Bassano addenta il derby, 4-1 al Breganze

0

di Vincenzo Pittureri

Due squarci nei primi 10’ di Marc Coy lanciano Bassano al primo scalpo di stagione che produce il 4-1 d’apertura col Breganze, buono a scaldare i cuori e alzare anche i calici. Un missile dello spagnolo e una rete in serpentina con pallina allungata nell’angolo del bollente Marc fanno 2-0, Dal Santo accorcia dal dischetto, Amato prende il palo e nel secondo tempo Sergio Festa da un passo fissa di giustezza il 3-1, quindi uno scippo imperioso di Cancela propizia in campo aperto il 4-1 che formalmente chiude i conti anche se poi l’Ubroker si consegna allo spreco finale dal dischetto con errori in sequenza di Coy, Cancela e Amato.

COSA VA: La concretezza e il pragmatismo di una squadra che prima dello spreco dei penalty viaggiava a tre gol su cinque occasioni, difendendo duro e aggressivo su ogni possesso altrui.

COSA NON VA: Le percentuali dal dischetto e l’assenza (seppur motivata e capibilissima degli ultrà), presenti all’esterno a spiegare le loro comprensibili ragioni. Sono stati surrogati dai Ragazzi della Vecchia Guardia, ammirevoli coi cori, ma è una curva a metà.  Però quasi 500 anime (dei 700 posti a disposizione) hanno acceso l’ambiente dopo 8 mesi di vuoto. E Dio solo sa quanto ce ne fosse bisogno.