Fly Marconi: i campioni dell’asta si sfidano in piazza Libertà

0
Dopo la due giorni del 1° Serenissima Para Athletics Meeting allo stadio di Cassola, un successo di competizioni con paralimpici, paralimpici intellettivo relazionali e atleti normodotati, a Bassano del Grappa piazza Libertà diventa un’arena con una gara ai massimi livelli per gli specialisti del salto con l’asta.
La seconda edizione del Fly Marconi,a cura dell’omonimo club di Cassola, è pronta a scattare nel pomeriggio di venerdì 6 settembre con una lista di atleti di prim’ordine, chiamati alla rincorsa sulla pedana montata in via Roma con salto finale sotto la loggia municipale.
Molto competitiva la gara femminile, ricca di stelle, che schiera la campionessa italiana in carica, la romana Sonia Malavisi (Fiamme Gialle), personal best di 4,51, e la terza dei campionati italiani, la veronese Elisa Molinarolo (Coin Venezia), già n. 1 d’Italia nel 2018, pb di 4,41.
Ad accrescere l’importanza dell’evento, per la Malavisi si tratta dell’ultimo appuntamento utile per migliorare la propria performance dell’anno e garantirsi la partecipazione ai mondiali di Doha in ottobre. Ma la gara donne regalerà anche altre emozioni con la svizzera Lea Bachmann, capace di volare a 4,35 metri, finalista alle Universiadi napoletane di luglio, a cui la federazione italiana ha dato autorizzazione a partecipare su richiesta di quella elvetica, e poi con la friulana Rebecca De Martin, (Brugnera Friulintagli), personale a 4,15, la trentina Marta Ronconi (Quercia Trentingrana Rovereto), pb a 4 metri. Con loro sulla pedana del Fly Marconi anche la milanese Bianca Falcone (pb 4,05) , Laura Pirovano (Pro Sesto Atletica Milano), Stella Tronchin (Quercia Rovereto), Giada Pozzato (Bentegodi), Gloria Gazzotti (Reggio Emilia).
Tra gli uomini non salterà il triestino Max Mandusic, campione italiano in carica, a causa di qualche problema fisico, ma non poteva mancare al Fly Marconi durante il quale affiancherà lo speaker Nicola Cerantola con i suoi commenti tecnici. In gara troviamo l’atleta di casa, il marconiano di Atletica Vicentina Brazzale, Andrea Marin, che ha un personale di 5,26 metri, quest’anno secondo ai campionati italiani assoluti e primo a quelli universitari. Poi riecco il romano Alessandro Sinno (Aeronautica Militare), campione italiano 2018 e un anno fa vincitore al Fly Marconi, che vanta un personale di 5,55 metri. Pb di 5,10 invece per il trevigiano Matteo Miani (Assindustria Padova), bronzo sul podio tricolore 2019, di 4,90 per Niccolò Toffanin (Biotekna Marcon) e di 4,85 per Daniele Peron (Atl. Nevi). In gara si cimenteranno poi Pietro Canossini (Atl. Reggio) e Tommaso Crivellaro (Fondazione Bentegodi).
Prima delle gare dei big, la kermesse vedrà un evento giovanile U20: forfait dell’azzurrino marconiano  Riccardo Miglietta che sta recuperando da un sovraffaticamento, rimpiazzato dai colleghi marconiani di AV Brazzale Marco Todesco, Michele Grego, Edoardo Lollato e con i cadettini Roberto Schirato del GS Marconi e Tommaso Galeazzo  dell’Atletica Vicenza.
Nell’intermezzo prima delle competizioni assolute ci sarà un momento di esibizione promozionale con alcuni giovanissimi atleti dei club del territorio e vicentini.
I lavori in piazza per il montaggio della pedana inizieranno verso le 9 del mattino. Gare giovanili dalle 16.30, gara donne dalle 18.30, gara uomini dalle 21.
In caso di maltempo il 2° Fly Marconi si svolgerà al Pala 2.