Vento e pioggia al De Danieli per i giallorossi dell’under 16. Arriva l’ottava vittoria!

0

Atmosfera britannica al De Danieli per l ’incontro U16 contro il Paese, vento e pioggia la fanno da padroni e i ragazzi devono affrontare un campo fangoso, lento e scivoloso. Compagine battuta di stretta misura all’andata in una partita molto combattuta e vinta di carattere dai nostri ragazzi. Il fango quindi determina manovre lente e fallaci da entrambe le parti. Munari direbbe che tenere la palla in mano oggi sarebbe come avere un bisatto tra le dita! (Guarda la photogallery del match).

La partita inizia con una fase di studio reciproco, il terreno lo consiglia,  iniziano alcune percussioni dei nostri. “bungia” Vale, Polpetta e Scrama con placcaggi efficaci.  In avanzamento Farina lancia un bel grab che Giacomo ricalcia ma mentre vola serenamente a meta l’arbitro ci mette una pezza, vede la palla fuori (che non era) e ferma una meta sicura. Pazienza. Ci pensa Valerio a segnare la prima meta dopo una doppia apertura prima vs. dx e poi di ritorno a sx. Oggi i tre quarti macinano alla grande, gli schemi funzionano e i ragazzi – tutti – sono proprio belli da vedere! Farina dal lato non trasforma: 5-0.

Il Paese ora spinge, arriva ai 5mt bassanesi con una touche, ma Lollo placca e si torna ai 22mt; il Bassano attacca, prima buca Valerio e poi Alberto, i ns. aprono ma la palla scivolosa frega Scrama. Errori fangosi e si arriva ad una touche ns. sui 5 mt del Paese e qui Ettore si inventa una supermeta: scende dalla
touche, si gira, trova gli avversari allargati (si erano ritirati dalla touche per far cadere i ns. in un velo, malandrini!) ci si infila dentro e li beffa, meta! Il calcio è ancora laterale e Farina non trasforma. 10-0 e fine primo tempo. Si va a riposo con Ciccio Sega che si lecca i baffi, il lavoro della settimana è servito!

Il secondo tempo si apre con un Paese che, memore della tiratissima partita dell’andata, spinge e arriva ai 5 mt del Bassano, ma perde palla, si susseguono poi calci di rinvio finché Giacomo fa una presa al volo da quarterback, passa la palla a Scrama che con una bella apertura va solitario a meta. Ancora una volta è laterale e lo sfortunato Farina non centra i pali. 15-0. Ormai il Paese dà segni di rassegnazione, Farina guadagna 40 mt, Scheggia prende al volo, così pure Alvise. I paesini (?) però si fanno sotto e il loro mediano di mischia filtra la linea bassanese, ma non va lontano sotto i colpi di Giacomo e Scheggia che lo placcano senza complimenti. Si procede con il Bassano che attacca e guadagna una touche ai 5 mt del Paese, apre e va a meta con Scrama che completa l’operato con un facile drop che aggiunge 2 punti allo score: 22-0.

Il Bassano ora è appagato, apre ancora a lungo, Scrama placcato si sbilancia e il suo off load si impenna ma Filippone lo prende al volo, si forma la rack, ma poi il “bisatto” scivola dalle mani di Giacomo e Farina poco può fare. Si volge al termine, il flanker del Paese fa un’ottima percussione in avanti, ma  perde palla, altra serie di calci di rinvio e la partita termina con Giacomo che prende la palla al volo, la calcia lunga, corre per riprenderla, ma l’avversario lo anticipa, lui lo placca e poi placca anche il compagno ma tutto si ferma lì  e il Paese mantiene il possesso. La partita così termina con l’ottava vittoria stagionale, quarta consecutiva, con un Bassano che continua a crescere in tutti i reparti: oggi mischia solida, touche precisa, aperture efficaci, molti placcatori, prese al volo, calci, insomma: Grande Bassano perché grande è il collettivo, determinati, lucidi e organizzati in campo, uniti ed amici fuori! È il Bassano che oggi non ha permesso al Paese di giocare. Ora mancano VE-Mestre, Casale e ancora Mirano, ma se il buongiorno si vede dal mattino.