Mondiale Under 18 Femminile: l’hockey iridato torna ad Asiago

0

Presentazione ufficiale, questa mattina ad Asiago,  del Campionato Mondiale Femminile U18 che si terrà a la prossima settimana. Il saluto iniziale è stato affidato al presidente del COL Grandi Eventi Asiago Enrico Vescovi che ha ricordato, fra l’altro, come queste manifestazioni di grande respiro sono occasione e motivazione per migliorare le strutture, esprimendo riconoscenza e ringraziamento alle Società Sportive (Asiago Hockey 1935 srl e Asiago Hockey 1935 Junior), al COL ed ai ben 130 volontari impegnati nell’organizzazione, insieme con la cinquantina di studenti impegnati col programma di alternanza scuola-lavoro. Vescovi ha concluso con i ringraziamenti alla Federazione (per la stima), al Comune di Asiago ed agli Sponsor, augurando alle squadre un soggiorno gradevole ed i migliori risultati sportivi.

È seguito il saluto del Presidente del Comitato Organizzatore, nonché Sindaco di Asiago, Roberto Rigoni Stern che ha ringraziato la Federazione Internazionale, quella Italiana, le società sportive che promuovono l’hockey su ghiaccio e tutti coloro che ancora una volta permettono tenere alto il nome di Asiago.

L’Assessore allo Sport Franco Sella ha espresso orgoglio per questo nuovo appuntamento mondiale, con un grazie particolare ai molto volontari che lavorano dietro le quinte con passione e permettono questi eventi.

Il Presidente della Federazione Italiana, Andrea Gios, ha ricordato, fra l’altro, il ruolo delle società, capaci di esprimersi ad alto livello non solo sul piano agonistico ma anche organizzativo, con un grazie particolare per Mario Lievore che ha dato il via a questo ruolo organizzativo. Gios ha poi ricordato come lo stadio sia “motore della nostra comunità”, nonché l’importante ruolo anche economico che ruota intorno al mondo dello sport.

Presenti le delegazioni di Ungheria e Giappone, oltre alla nazionale azzurra al completo “Noi siamo nuove di questo Mondiale – hanno dichiarato le azzurre – ci aspettiamo di fare un buon mondiale e raggiungere la salvezza e faremo di tutto per farlo”; “orgogliosi di esserci – hanno dichiarato i delegati ungheresi – e cercheremo di divertirci ma anche di vincere”; “grazie all’organizzazione – ha espresso la team leader giapponese – siamo felici di essere qua e puntiamo alla promozione in top division”