Rugby al giro di boa. Finisce il 2017, brillano under 16 e under 18!

0

Archiviata la prima parte della stagione per la formazione senior del BBM Rugby Bassano 1976, non si fermano però le sfide delle altre compagini giallorosse. Gli uomini di Baratella hanno chiuso queste prime nove giornata al terzo posto in classifica, con un bilancio di 5 vittorie e 4 sconfitte e una terza piazza, con 27 punti alle spalle di Villadose e Belluno, in attesa però che questi ultimi recuperino i due match mancanti. Alle spalle del Bassano, con una partita in meno, Feltre a 26 punti.

Allargando lo sguardo anche alle altre formazioni giallorosse, meritano attenzione l’under 16 protagonista di un’ottima prestazione pochi giorni fa, come ci spiega Andrea Segafredo, e l’under 18:

“Chi ha dubitato dei nostri ragazzi dopo la prima meta subìta, è stato immediatamente smentito – spiega Segafredo parlando di under 16 – la partita contro Casale inizia ma il Bassano “fatica” ad accorgersene e lascia un’autostrada laterale in cui l’ala avversaria ci va a nozze: 5-0 per gli avversari. Poi esce il carattere, quello che ci fa urlare dagli spalti, quello che ci riempie di orgoglio perché, alla fine, quei ragazzi sono i nostri. L’avversario è più grosso, più fisico, ma non è né velocissimo né troppo agile. Ed è la partita delle cose mai viste, un’ala che calcia, un mediano che placca, un 8 che ruba le touche; senza dimenticare i “percussori” quelli che spingono, quelli che bucano, quelli che il placcaggio non lo sbagliano MAI. E allora il Bassano sale in cattedra e così, grazie ad una bella apertura, Alberto restituisce lo sgarbo all’avversario e va a meta non senza essersi brillantemente smarcato. 5-5. Il Bassano placca, calcia, la mischia funziona e così  il Casale non passa. Gli attaccanti avversari sembrano i birilli del bowling, cadono. Ma i nostri non si vogliono far mancare niente e si fanno infilare, di nuovo lateralmente: 10-5 per il Casale con un calcio facile che prende il palo e si va a riposo. I nostri ragazzi entrano in campo  determinati, vogliono vincere, guadagnano moltissimi metri con calci e successivi placcaggi, rubano palla a terra e in touche poi assediano l’area di meta avversaria. E finalmente, con una meta di grinta vanno sul 10-10, calcio di Giacomo con suspense e 10-12! Finalmente vantaggio! L’assedio continua e si sfiora di nuovo meta, tentiamo un calcio da tre ma non siamo fortunati. Ma la pressione del Bassano continua e si va a meta di mischia e di cattiveria! 10-17, niente calcio e punteggio finale. I ragazzi crescono e vincono ancora e, di nuovo, vincono a rosa incompleta. Segno che il lavoro settimanale funziona e lo spogliatoio anche. Ora siamo pronti per Mirano”.

Per quanto riguarda l’under 18 invece, la parola passa a Vittorio Campana e ci porta a rivivere quanto accaduto domenica10 dicembre: “La partita contro il Valsugana era forse una delle più impegnative e probabilmente non ci si aspettava nemmeno un risultato finale del genere: 24 a 7. L’aggressività e l’organizzazione hanno formato le basi dell’attacco e della difesa bassanese. Il primo tempo è stato il più interessante ed è qui che il Bassano ha messo a segno tutti i punti dell’incontro, lasciando a zero gli avversari. Il secondo tempo è stato più statico e meno ordinato. Il Bassano ha quasi sempre occupato la metà campo del Valsugana, provando più volte ad andare in meta ma senza ottenere alcun risultato, anzi subendo una meta su contrattacco avversario.

Nonostante ciò, i rugbisti bassanesi hanno giocato una delle migliori partite di questa stagione, dimostrando il proprio valore e facendosi valere in tutte le fasi di gioco.

Il momento più bello però è stato vissuto a fine partita quando tutti i giocatori, gli allenatori e l’arbitro si sono stretti attorno ad Alessandro “Lillo” Battistin per dimostrargli con un abbraccio collettivo l’affetto e il sostegno fondamentale in questo momento di grande difficoltà”.