Cuore e passione: il basket dice addio al “suo” Gianni

0

Tecnica il giusto, cuore e passione da vendere. Gianni Lazzarini, per il mondo del basket bassanese era questo. Lui che ha cresciuto cestisticamente migliaia di ragazzini, affiancando negli anni i tanti tecnici che si sono succeduti nelle giovanili giallorosse se n’è andato all’alba di domenica, sconfitto dalla malattia, lasciando negli occhi e nei ricordi di quanti l’hanno conosciuto un’immagine indelebile: quella di un uomo innamorato dello sport e dei suoi valori più puri.

Impossibile incontrarlo per strada o in palestra senza che Gianni portasse il dialogo sulla palla a spicchi. Dopo tutto, coach Lazzarini, sul parquet si è portato a casa più di qualche soddisfazione: prima come vice di Turchetto, poi un bronzo alle Finali Nazionali nazionali U15 di Bassano con i 2001.

E proprio il mondo del basket lo ricorda in queste ore: l’hanno fatto gli “Aquilotti” di Mba che domenica in palestra hanno esposto uno striscione con il loro saluto e lo faranno anche i ragazzi della prima squadra dell’Orange one che giocheranno in posticipo domani sera e a lui tenteranno di dedicare un’impresa.   Tantissimi  i ricordi di Gianni Lazzarini arrivati dal mondo del basket. Ne citiamo uno per tutti, quello di Turchetto, attuale coach della Leonis Roma, che con lui compare nella foto in uno dei successi vissuti assieme con la maglia del Petrarca Padova:

“ L’istante prima di un abbraccio nel momento sportivamente più bello tra quelli vissuti assieme. La pallacanestro, il biliardo e le partite a scopone: tre “giochi” con cui ci catechizzavi e attraverso cui hai trasmesso i Valori e gli Insegnamenti di un Uomo Unico.
“Donne a letto, carte al petto!”
Grazie Gianni un abbraccio”

L’ultimo saluto a Gianni Lazzarini verrà dato domani alle 10 nella Chiesa di Fellette.