Bianchi lancia la carica per la sfida con Mestre

0

Dopo la batosta contro Renate il Bassano Virtus torna in campo domenica alle 14.30 contro Mestre, sorpresa di questo inizio stagione. Tocca a Nicolò Bianchi analizzare la sfida del “Mecchia” .

Il Mestre si è dimostrato una buona squadra, una delle sorprese di questo campionato. Ha fermato squadre di vertice, come ad esempio il Pordenone, ha uno zoccolo duro di giocatori che hanno conquistato la Serie D e spesso, in Lega Pro, i gruppi importanti che conquistano una promozione ben figurano l’anno successivo. Inoltre hanno arricchito la rosa con giocatori di categoria superiore come Neto Pereira e Sodinha”.

Bianchi ha poi analizzato il percorso dei giallorossi: “Questa squadra secondo me può essere paragonata a quella di due anni fa guidata da Asta, che io affrontai da avversario con il Novara. Se le cose ci girassero bene, sono sicuro che faremmo un campionato incredibile. Come il filotto che azzeccarono quella stagione nel girone di ritorno, recuperando tutti i punti di distacco dal Novara. In questa squadra non ci sono magari individualità eclatanti come in altri club, ma come squadra possiamo sopperire a tutto ciò. Come dice il mister dobbiamo fare ancora un ulteriore passettino in avanti: all’inizio eravamo solidi, poi abbiamo cercato di creare maggiormente, ora dobbiamo riuscire a combinare entrambi gli elementi in maniera equilibrata. Ma il gruppo c’è ed è molto solido£.

“Vi aspettate altre reti da me? Lo scorso anno siglai tre reti in campionato ed una in Coppa Italia, al momento ho a referto la rete contro la Fermana. Onestamente, preferisco fare due recuperi importanti in più per la squadra per far ripartire l’azione e lasciare segnare 20 gol a testa agli attaccanti. Non ho la smania di fare gol, certo il mister ci chiede di inserirci e provare la conclusione, ma la mia soddisfazione personale la traggo dai risultati della squadra”.