UFFICIALE: il Femminile Bassano rinuncia alla Serie B

0

Poche settimane fa scrivevamo di un Femminile Bassano sulla cresta dell’onda: una storica promozione in Serie B, i festeggiamenti in grande stile allo stadio Mercante (teatro delle battaglie del più quotato calcio maschile) e l’insediamento al vertice societario del nuovo presidente Tancredi De Poli pronto a portare nuova linfa ed entusiasmo nel club giallorosso.
Oggi, però, il ds Zeudi Doris annuncia ufficialmente che «il Femminile Bassano rinuncia alla Serie B».

Una notizia che forse non arriva come un fulmine a ciel sereno, visto che nel circolo femminile la voce girava già da qualche settimana, ma che lascia comunque l’amaro in bocca per quel che poteva rappresentare un campionato di Serie B per il movimento calcistico bassanese.

«Una decisione – specifica il ds – presa di comune accordo con le ragazze. Molte di loro per lavoro o per studio non potevano prendersi l’impegno di affrontare lunghe trasferte, perciò abbiamo scelto all’unanimità di iscriverci al prossimo campionato di Serie C».

Una scelta ponderata, la meno esaltante ma la più logica: «Affrontare un campionato di Serie B richiede energie e un dispendio economico non indifferente. Giocare contro squadre più attrezzate vorrebbe dire sacrificare una stagione. Tenendo conto del fatto che quest’anno per salvarsi è necessario arrivare tra le prime tre, causa l’inserimento di un campionato interregionale nel mezzo tra B e C, era davvero difficile azzardare una nostra partecipazione in B. Le ragazze, però, si sono dimostrate intelligenti e disponibili, tant’è vero che rimarranno tutte nella nostra rosa e per questo vanno elogiate».

Ancora Serie C, dunque, ma con uno scopo ben preciso.

«Non bisogna assolutamente snobbare la C. Sia per orgoglio, sia perché a breve verrà ufficializzata anche la collaborazione con il Bassano Virtus, il quale dovrebbe fornirci il materiale per la stagione che verrà. Abbiamo superato la delusione, ora stiamo allestendo una rosa competitiva per provare a vincere di nuovo il campionato ed iscriverci all’Interregionale la prossima stagione. Così avrebbe tutto più senso».

Nel trambusto burocratico, c’è spazio anche per una piacevole novità in casa giallorossa: il “quartier generale”, sede degli allenamenti ma anche delle partite del settore giovanile, sarà nello stadio di San Lazzaro, sperando che sia di buon auspicio per il definitivo salta di categoria.

Stefano Sartore