Vicenza nel baratro, biancorossi sconfitti anche dalla Ternana

0

VICENZA-TERNANA 0-1

Marcatore: st 20′ Falletti

Vicenza (4-3-3): Vigorito 7; Bianchi 6.5 (39′ st Doumbia ng), Adejo 6.5, Esposito 6, D’Elia 6; Signori 5.5, Gucher 5 (24′ st Rizzo ng), Bellomo 5 (22′ st Giacomelli 5); Orlando 5.5, Ebagua 5, De Luca 5.5. A disp. Costa, Bogdan, Giacomelli, Urso, Cernigoi, Siega, Zivkov. All. Torrente 5.5

Ternana (4-3-1-2): Aresti 7; Zanon 6, Diakitè 7, Meccariello 6.5, Contini 6.5; Petriccione 6, Ledesma 6.5, Di Noia 6.5 (41′ st Rossi ng); Falletti 7 (31′ st Valjent ng); Avenatti 6 (42′ pt Pettinari 7), Palombi 6.5.
A disp. Di Gennaro, Masi, Coppola, Di Livio, Monachello, Acquafresca. All. Liverani 6

Arbitro: Sacchi di Macerata 5

Note: spettatori 8.105 per un incasso di 54.051 euro. Ammonizioni: De Luca per simulazione; Avenatti e Petriccione per gioco falloso. Angoli: 7-4 per il Vicenza. Recuperi: 1′ pt, 5′ st.
Scivola ancora in casa il Vicenza, ed è l’ennesima volta in questa tribolata stagione che sta per concludersi con un’amara retrocessione dopo undici campionati nella cadetteria. Stavolta a fare lo sgambetto ai biancorossi ci ha pensato la Ternana a cui, senza strafare, ma con un gioco lineare ed incisivo, è riuscita l’operazione-sorpasso ai danni di una spuntata ed inconcludente squadra da stasera relegata al terz’ultimo posto a 180’ dalla conclusione e quindi, a meno di clamorosi stravolgimenti, con un piede e mezzo in Lega Pro.
Un Vicenza che dopo avere illuso un po’ tutti nonostante la sconfitta di misura nel derbissimo di Verona, ha inanellato una delle sue avulse prestazioni al Menti che rischiano di costargli tantissimo. Un dato significativo: il migliore fra i biancorossi è stato di gran lunga il portiere Vigorito autore di almeno tre interventi provvidenziali. Ma non è bastato. E pensare che poteva essere un turno favorevolissimo con tutte le dirette concorrenti al tappeto. Fatto sta che il Vicenza doveva vincere e non l’ha fatto come troppe volte in questo tribolato torneo.
La Ternana, che seguiva al terz’ultimo posto i berici di un punto, dopo un primo tempo frenato dalla paura con nessuna limpida occasione da gol, ha trovato il vantaggio al 20’ della ripresa con Faletti che servito al limite, libero come un uccel di bosco, ha avuto tutto il tempo di stoppare la palla ed infilare Vigorito con una bordata angolata. Scarsa la reazione dei biancorossi che nonostante la buona volontà ed alcune mischie, non sono riusciti ad indirizzare un tiro nello specchio della porta umbra.

Domenico Lazzarotto