Il Rugby Bassano regge solo un tempo, la festa è del Valsugana

0

Rugby Valsugana – Rugby Bassano 29-17

Non riesce al Rugby Bassano l’impresa di espugnare il difficile campo del Valsugana. Gli uomini coach Segafredo tornano dalla trasferta padovana senza nemmeno un punto, dopo un confronto dai due volti. I bassanesi si ritrovano sotto di una meta dopo appena 5 minuti, ma mantengono i nervi saldi e costruisco gioco, tanto da arrivare per ben tre volte alla segnatura.
I giallorossi impostano la prima meta dalla touche; un maul non completata a pochi centimetri dalla linea di meta viene chiusa con un pick and go da Zanzot. La seconda volta è Andrea Zalunardo a staccare dalla maul e ad andare in meta, mentre realizza d’astuzia Nicola Cei che ripartendo da una mischia ordinata trova il varco e arriva alla segnatura.
Si va al riposo con i bassanesi in vantaggio 17-7 ma al ritorno in campo la musica cambia. Il Valsugana inserisce qualche pedina nuova e preme sull’acceleratore e il confronto cambia volto. I padroni di casa approfittano di qualche errore di troppo dei bassanesi e ribaltano il risultato chiudendo con un secco 29-17.
Per gli uomini di Segafredo una trasferta da dimenticare. Per il Valsugana una vittoria buona solo per continuare a sperare fino a metà pomeriggio quando arriva la notizia della vittoria del Riviera che conquista la promozione con una giornata d’anticipo.
“Resta l’amaro in bocca per non essere riusciti a portare a casa nemmeno un punto – sono le parole di Andrea Segafredo – e per aver subito una rimonta in cui abbiamo regalato facili opportunità ai nostri avversari, come nel caso dell’ultima meta realizzata grazie ad un rimpallo fortuito”. “Certe distrazioni non sono ammesse – continua il coach giallorosso – e di certo non potremmo permettercele la prossima domenica, quando al De Danieli arriverà il Pordenone”.
In palio per Zalunardo e compagni c’è ancora il quarto posto.