Serietà ne abbiamo! Siamo nel cuore di Bassano, e le cose accadono ;-)

0

Premettiamo…questo è un articolo quasi serio!!! Perché divagare, ogni tanto, fa bene! Eleganza e grande stile ieri sera in centro a Bassano. Ma non fatevi ingannare dall’immagine che abbiamo scelto come copertina. Andate sul fondo di questo articolo e date un’occhiata alla realtà e a come erano vestiti davvero i bassanesi doc (non tutti a dire la verità) che abbiamo incontrato ieri girando per la città.

La sera, a Bassano e in questi anni, ne abbiamo viste un po’di tutti i colori. Ma ieri, a guardarli dalla cintura in su, sportivi e appassionati bassanesi sembravano davvero persone serie. Il legame profondo che li unisce però ai colori giallorossi, e allo sport in generale, li hanno spinti per la quarta volta in altrettanti anni a dar vita alla festosa “cena dee braghete curte”.

Della serie: “Coe gambe soto a toea sembremo anca seri, ma el fato ze che ghemo e braghete curte”. E pantaloncini corti sono sinonimo di sport, di calcio ma non solo. Pallavolo, basket, hockey pista, rugby, atletica e chi più ne ha più ne metta. Quella di ieri sera è stata una cena decisamente speciale. I vari Ricky Bueo, Andrea Marchiorello, Jefry e compagni, con un’ampia rappresentanza anche di quote rosa, non si sono voluti far mancare nulla.

Prima tappa ai “Buei”, poi la maratona che li ha portati fino al cuore di Bassano, tutti rigorosamente ben vestiti ma in pantaloncini corti, ad allietare con la loro presenza la prestigiosa cornice del “Danieli”, accolti come sempre dai fratelli Edoardo e Leone Miotti e dai rispettivi staff.

Sport, divertimento e stare insieme. Anche questo è stata ieri sera questa cena alla quale, in maniera improvvisa e inaspettata, ci siamo infiltrati per alcuni minuti. Tempo di dar modo a Barbara Todesco di consegnare uno dei premi, di immortalare il tutto con quale foto e poi via, da oggi tutti nuovamente al lavoro in pantaloni lunghi…anche se oramai, vista la primavera imminente, quei pantaloncini potrebbero tornare utili!

E come dice qualcuno: “Sani, e saeuti a Mirco Meneghetti “King of rugby”…”.