Sandro Donati ai giovani: “vincere senza doping si può” +++VIDEO INTERVISTA +++

0

Una lezione di vita, prima ancora che una lezione di sport. E’ questo quello a cui hanno assistito questa mattina oltre duemila studenti degli istituti superiori bassanesi, ospiti dell’incontro con il professor Sandro Donati, paladino mondiale dell’antidoping, chiamato in città dall’istituto Fermi, per raccontare la verità, tutta la verità dello sport italiano e mondiale. Gli interessi, i giochi di potere e soprattutto l’utilizzo massiccio del doping nella pratica sportiva. Quello che Donati non esista a definire Mafia del doping, una pratica voluta e avvallata dai massimi vertici sportivi italiani ed internazionali. Dalle pratiche illecite istituzionalizzate dal rettore dell’Università di Ferrara Conconi al caso Schwazer, dai casi più ecclatanti esplosi nel ciclismo (Pantani ed Armstrong su tutti) al legame inevitabile tra doping ed interessi farmaceutici, Donati risposto alla mille domande dei ragazzi, spiegando loro comunque, dietro a tanto marcio, c’è ancora uno spiraglio e vincere puliti, seppur impresa difficile, è ancora possibile.