Il Punto sulla serie B di Domenico Lazzarotto

0

In attesa dei posticipi di Hellas Verona (domenica alle 15 a Brescia) e del Cittadella ( lunedì alle 20.30) in casa della capolista Frosinone, il Vicenza oggi ha ottenuto un prezioso pareggio nella 29esima giornata del campionato di serie B allo stadio Manuzzi di Cesena. Il match-salvezza si è concluso sull’1-1 con entrambi i gol nel primo tempo con il giovane Orlando che ha “risposto” a Ciano. Inizio a ritmi blandi ma, alla prima azione pericolosa, il Cesena va subito in vantaggio: al 7’ conclusione dal limite di Garritano, Benussi si distende sulla sinistra ma la sua respinta viene raccolta da Ciano il cui tap-in a porta ormai sguarnita regala il vantaggio ai romagnoli. La reazione del Vicenza è abbastanza timida, ma i biancorossi crescono nel finale e al 45′ trovano il pareggio: Bellomo mette al centro, la deviazione di un difensore di casa fa pervenire la palla sui piedi di Orlando che col sinistro batte Agazzi. 

L’undici di berico, con l’ingresso del portiere Amelia ad inizio ripresa al posto di Benussi, ed avendo in campo sin dall’inizio Zaccardo, ha schierato addirittura due campioni del mondo 2006.

Amarcord per mister Bisoli che ha festeggiato le 400 panchine in carriera a Cesena, dove ha conquistato tre promozioni.Un Pierpaolo Bisoli che a fine partita ha riempito di elogi la sua squadra.
“ Con tante assenze non potevo chiedere di più ai ragazzi – sottolinea – che hanno dato tutto. Siamo stati bravi a rimontare in un campo tra i più difficili; e questo ve lo dico perché qui io ci ho vissuto parecchi anni. Orlando e gli altri hanno raschiato il barile delle loro energie: mica potevo chiedere a loro di più. Questo è l’unico modo per riuscire a salvarci: anche perché qui i punti non te li regala proprio nessuno”.
“Purtroppo – continua a ruota libera Bisoli – è anche vero che paghiamo a caro prezzo ogni minimo errore: anche oggi nella respinta di Benussi in occasione del gol del Cesena non c’era nessuno dei miei a buttare via il pallone. Ad ogni sbaglio ci castigano. Pazienza…”
Il tecnico affronta anche il tema infortuni: “La lista è ancora lunga complice anche una preparazione affrettata nel recuperare chi non era ancora in condizione ottimale. Anche se non siamo certo fortunati. Qualcuno (Ebagua e Vita ndr) dovrei comunque averlo a disposizione per l’importantissima prossima sfida-slvezza al Menti contro il Pisa in cui il Menti dovrà diventare una bolgia.
Il tecnico ha dato due giorni di libertò ai biancorossi che si ritroveranno martedì mattina per preparare il delicato match.