Laura Strati lascia l’Italia! Dopo il premio FIDAL, l’atleta di Cassola cambia vita!

0

Ci sono salti in lungo e svolte nella vita. Laura Strati, nell’ultimo anno, ha saltato molte volte in lungo, ma davvero in lungo, e ora è attesa da un cambiamento importante. Ieri pomeriggio, premiata all’Auditorium Pontello della Fondazione OIC Onlus come Atleta veneta dell’anno, la ventiseienne lunghista di Cassola, campionessa italiana assoluta 2016, ha rivelato di essere prossima a trasferirsi a Madrid. “Domani parto, cambio vita – ha detto l’azzurra, subito dopo aver ricevuto il prestigioso riconoscimento della Fidal regionale dalle mani del sindaco di Cassola, Aldo Maroso, e da Sara Simeoni -. Vado in Spagna, dove sono già stata di recente per motivi di studio (è fresca di laurea, con il massimo dei voti, in Relazioni Internazionali, ndr). Voglio rimanere via almeno un anno. Dovrò trovarmi un lavoro. La sfida non mi spaventa”. E l’atletica? “Quest’anno sono maturata, ho ottenuto risultati importanti – ha detto la vicentina -. Ho vissuto il sogno di andare all’Olimpiade, e già questo mi è sembrata una grande cosa. Ora lavorerò per tramutare quel sogno in realtà. Anche se sono solo all’inizio: con il mio personale (6.59, ndr) non si fa tanta strada neanche in Europa”.

La Fidal regionale ha scelto la Strati come Atleta dell’anno non solo per i suoi risultati, ma anche perché ha saputo coniugare al meglio, lei che non è un’atleta professionista, lo sport ad alto livello e un impegnativo ciclo di studi. L’elenco dei ringraziamenti è lungo: “Il Gs Marconi Cassola, l’Atletica Vicentina, Daniele Chiurato che mi allena con la supervisione di Paolo Camossi. E il resto di quello che ho chiamato Team 659: il fisioterapista Andrea Santuz, il massaggiatore Stefano Bellò, il nutrizionista Diego Fortuna, il manager Claudio Arduini”.

Alla presenza del consigliere federale Elio De Anna, di Dino Ponchio, del presidente del Coni veneto Gianfranco Bardelle e dell’assessore regionale alla Formazione, Elena Donazzan, che ha elogiato l’impegno dell’atletica nelle recenti Giornate dello sport, la Fidal regionale, guidata da Christian Zovico (“L’atletica ha bisogno di idee nuove, diamoci da fare tutti assieme, anche in ambito regionale, senza attribuire responsabilità ad altri se i risultati non arrivano”), ha anche assegnato il premio di Promessa veneta dell’anno alla velocista dell’Atletica Riviera del Brenta, Rebecca Borga, che ha salutato la platea con un videomessaggio, essendo in viaggio d’istruzione. Atleti veneti master dell’anno, Andrea Meneghin ed Emma Mazzenga.

(Si ringrazia per la collaborazione ufficio stampa FIDAL Veneto).