Femminile Bassano pronto alle sfide che contano! Belluno e Pordenone le avversarie più ostiche!

0

La strada che porta alla Serie B diventa sempre più stretta e, nella carreggiata utile per il salto di categoria, sono rimasti solo in tre a contendersi il primo posto.

Uno di questi (assieme al Belluno e al più quotato Pordenone) è il Femminile Bassano, capitanato da Sonia Zonta, carismatica centrocampista che, a sei partite dalla fine, suona la carica per evitare pericolosi sbandamenti.

La nostra intervista, però, parte da un pò più lontano.

Abbiamo ricordato a Sonia due date: 1° e 8 Maggio 2016. Mani nei capelli e sorriso amaro.

Già, perchè memori della beffa nella scorsa stagione con la promozione sfumata nelle ultime due sciagurate partite, per il Femminile Bassano è arrivato il momento di guardarsi negli occhi e combattere per un titolo che spetterebbe di diritto solo leggendo la storia di questa piccola “favola” calcistica, consapevoli dei propri mezzi e dei sacrifici fatti per arrivare a vestire il giallorosso.

“La fine dello scorso campionato abbiamo avuto due settimane terribili – racconta Sonia – ma ci è servita da lezione per capire che non possiamo più dare nulla per scontato. Pensa che nello scontro diretto con il Padova (persa 2-1 all’ultimo minuto) avevamo già pronte le magliette in panchina per festeggiare la promozione, poi sappiamo come andò a finire. Quando abbiamo preso gol allo scadere, è crollato tutto. Se penso che ho sbagliato il possibile 2-0…”

Quest’anno però le cose sono diverse: le ragazze di Ivan Jozic sono costrette a rincorrere il Pordenone e devono guardarsi le spalle dal Belluno, squadra fastidiosa che all’andata ha inflitto l’unica sconfitta stagionale alla compagine giallorossa.

“Vedo la squadra più pronta dal punto di vista mentale. Forse l’anno scorso abbiamo avuto paura di fare il salto e questo ci ha bloccato nel momento clou. Ci stiamo allenando bene per migliorare sotto questo aspetto, pensando a lottare su ogni centimetro di campo in ogni partita, consapevoli che si può perdere un campionato anche all’ultima partita contro la quart’ultima in classifica.”

Poi, inevitabilmente, il pensiero va alla doppia sfida con Belluno e Pordenone che tra fine marzo ed inizio aprile probabilmente metterà una seria ipoteca sulla promozione.

“Abbiamo una serie di partite che ci diranno dove possiamo arrivare. Se le vinciamo tutte siamo in Serie B, ma non bisogna fare calcoli. Ora è il momento di dare il massimo per raggiungere il nostro obiettivo e per raccogliere i frutti della nostra crescita. Io ho una bella sensazione”.

Anche noi di Bassano Sport siamo positivi e ci auguriamo di poter festeggiare assieme a voi, magari, come dice Sonia, invitando tutti gli appassionati e i tifosi allo stadio “Giusti” per sostenere il sogno di queste ragazze.

Forza Bassano, mancano poche curve al traguardo. Ora è tempo di mettere la freccia e completare un sorpasso che vi porti in testa davanti alla bandiera a scacchi.

Intervista a cura di Stefano Sartore