Il Punto sulla Serie B di Domenico Lazzarotto

0

Le tre venete di serie B nella terza di ritorno hanno raccolto la miseria di due punti.
Sicuramente il più importante è quello arpionato su rigore allo scadere dal Verona contro un combattivo Benevento; un 2-2 nell’anticipo di venerdì che permette agli uomini di Pecchia di mantenere la vetta della classifica con 45 punti davanti al vittorioso Frosinone passato di misura a Latina.
L’altro punto,dal sapore ancora più amaro, è arrivato dal Tombolato di Cittadella dove i locali non sono andati oltre lo 0-0 contro la claudicante Pro Vercelli arrivata sotto le mura per portare in Piemonte un risultato utile che ha saputo meritarsi difendendosi con ordine. L’undici di Venturato, dopo lo stop di Terni, è incappato in un mezzo passo falso casalingo che ha non poco raffreddato le sue ambizioni di playoff. I granata sono comunque ancora quinti da soli a quota 37. Una classifica davvero buona tanto che lo stesso tecnico Venturato si sofferma sul bicchiere mezzo pieno.
“ Abbiamo fatto una buona prestazione su un campo difficile – analizza il tecnico dei granata – contro una combattiva Pro Vercelli venuta qui per cercare di portare a casa un risultato utile difendendosi molto bene. Dispiace per il mancato successo ma dobbiamo essere soddisfatti di questo punto anche se ci sta stretto. Certo, dobbiamo dare più continuità ai risultati. Noi vogliamo giocare per cercare di vincere tutte le partite, dobbiamo cercare di fare le stesse cose dell’ andata perdendo delle partite in meno. Vediamo il bicchiere mezzo pieno, ma dobbiamo lavorare ancora tanto”.
Il debutto di Luca Vido in attacco?
” Direi positivo. E’ un giovane con delle qualità importanti: vediamo di dargli l’ opportunità di esprimersi”.
“Ero emozionato ma carico – conferma Vido – Volevo far vedere a tutti che ho le qualità per stare in questo gruppo e ho cercato di farlo al meglio. Il Cittadella è una grandissima piazza con grandissime ambizioni, sono contentissime di essere qui e mi piace la proposta di gioco di Venturato. Oggi è mancato solo il goal”.

Nel posticipo delle ore 18 a Bari il Vicenza, dopo sei risultati positivi di fila, ha interrotto la propria serie rimediando nel finale una sconfitta-beffa per opera dell’ex Galano a 4′ dalla fine del match; l’altro ex De Luca aveva messo a segno in momentaneo 1-1. .
“E’ incredibile – analizza la sconfitta il tecnico Pierpaolo Bisoli – abbiamo avuto dieci occasioni da gol e loro due ed hanno segnato due volte. Dispiace, meritavamo minimo la vittoria, dobbiamo accettare questa legge degli ex. Il portiere Micai ha fatto almeno quattro miracoli. Dobbiamo andare avanti così, abbiamo un gruppo fantastico e sono sicuro che i risultati arriveranno”.

Il Vicenza, complice il passo falso di Bari, si trova relegato al 13. posto a quota 27 a pari merito con Brescia e Salernitana ad una manciata di punti di playoff ma solo tre lunghezze sopra la zona rossa. Per l’undici di Bisoli un campionato ancora tutto da decifrare dopo il balbettante inizio circoscritto con l’esonero di Lerda.