Brunopremi.com, vittoria da grande squadra contro la seconda della classe

0

Le ragazze di Mario Martinez firmano un capolavoro giocando una partita perfetta contro il fortissimo Itas Martignacco: finisce 3-0 per il Bassano che conserva il 6° posto e sale a +9 sulla zona retrocessione

Brunopremi.com Bassano – Itas Martignacco 3-0 (25-20, 25-17, 25-20)

Brunopremi.com Bassano: Mason 16, Moro 16, Fucka R. 8, Pais Marden, Salimbeni, Rampazzo 10, Fucka T. (C) 5, Stocco 2, Mangani 2, Bertollo, Formilan (L), Andrich (L). 1° All. Martinez

Itas Martignacco: Facco 11, Gabbiadini 7, Russo, Colonnello 10, Di Bert, Gogna 8, Pastorello 6, Pesce 1, Pulcina 2, Gray 1, Dian (L) 1, Mignano (L). All. Gazzotti

Note. Battute errate/vincenti: Bassano 4/14, Padova 5/4. Muri: 3-8. Arbitri: Giancarlo Vitelli e Giuseppina Circolo da Bologna

Ennesima impresa stagionale per un Brunopremi.com Bassano che continua a stupire ma che a dirsela tutta ormai non è più una sorpresa dal momento che le ragazze di Martinez sanno davvero far tremare le big del campionato, se non addirittura batterle, come è accaduto questa sera al PalaLungobrenta dove a inchinarsi alle bassanesi è stato l’Itas Martignacco 2° in classifica. Stavolta però più che di un’impresa si può parlare di un autentico capolavoro: le leonesse infatti giocano una partita pressochè perfetta in ogni fondamentale a partire dalla battuta che stasera come mai ha mandato in tilt a più riprese i meccanismi di gioco del temibile sestetto avversario. Alla fine sono ben 14 gli ace fatti registrare da capitan Fucka e compagne che lasciano la ricezione avversaria con un eloquente 42% di positive e con il 12% di perfette. Per il resto la squadra di Martinez ha trovato una grande prestazione difensiva con Formilan sempre più leader della seconda linea e un attacco che, con Linda Mangani ai box per un fastidio al ginocchio, ha beneficiato della grande serata di Mason e Moro, autrici di 32 punti in due (16 + 16). Più di ogni altra cosa però hanno impressionato ancora una volta la maturità e il carattere di una squadra che, non ci stancheremo mai di dirlo, resta pur sempre un gruppo di ragazze under 18.

Parte bene il Bassano che di fronte a un pubblico quanto mai numeroso e caloroso si porta avanti 8-5 alla prima sosta tecnica. Rebecka Fucka è velenosa in battuta e con due ace della sua centrale il Brunopremi.com allunga 16-12 al secondo time out tecnico mostrando un’ottima pallavolo e una freddezza da squadra di veterane. Il 19-14 è firmato da una grande giocata in lungolinea di Ilenia Moro, mentre al rientro dopo il time out di mister Gazzotti è Chiara Mason con un mani out a timbrare il punto del 20-14. Il 22-14 arriva con un errore in attacco di un Martignacco che fatica terribilmente in ricezioneprima sulle battute di Stocco e poi su quelle di Mason ed è la stessa giocatrice schiacciatrice padovana a firmare l’ace del 23-15 con cui la squadra di Martinez ipoteca la vittoria nel set. Nel finale le leonesse commettono qualche errore di troppo consentendo alle friulane di rientrare in gioco (23-20). Ma il Bassano di stasera non teme rimonte: Moro timbra il 24-20, mentre è la neoentrata Mangani a chiudere i conti in battuta con l’ace del 25-20.

All’inizio del 2° set è ancora la battuta giallorossa a fare la differenza: Rampazzo manda in tilt la ricezione ospite e in un amen Bassano è avanti 6-2 grazie a due contrattacchi vincenti di Rebecka Fucka, mentre alla prima sosta le leonesse sono avanti 8-4. Qualche imprecisione di troppo in attacco e un Martignacco in crescita riportano il punteggio in equilibrio: la parità e il conseguente time out di mister Martinez arriva a quota 9, mentre nell’azione successiva la formazione friulana trova anche il primo vantaggio nel set (9-10).  Ilenia Moro ha il braccio caldo e con tre attacchi riporta avanti 14-13 la sua squadra che poi al secondo time out tecnico si porta a +2 grazie a un attacco e a un ace di Rampazzo. Il Bassano lotta su ogni pallone toccando tutto a muro e in difesa, la squadra ospite va di nuovo in difficoltà e sul 19-15 il tecnico friulano chiama tempo per riportare ordine. Le due squadre tornano in campo ma è sempre il Brunopremi.com a fare la partita con Mason implacabile in attacco (23-17), mentre i tanti errori in attacco del Martignacco costringono mister Gazzotti a fare qualche cambio. La musica però non cambia: ancora Mason piazza l’ace del 24-17 e sull’azione successiva è un attacco in rete dell’Itas a mettere la parola fine al 2° set.

Avanti 2-0 nel computo dei set la squadra di Martinez non vuole mollare la presa e soprattutto in battuta le leonesse continuano a fare la differenza: stavolta è Mason a firmare, dopo un inizio di set equilibrato, il primo break del parziale con tre battute velenosissime che portano il punteggio sull’8-5 alla prima sosta tecnica. L’Itas però è all’ultima chiamata e la squadra 2^ in classifica non vuole certo arrendersi così: le friulane recuperano lo svantaggio portandosi avanti con un bel diagonale di Facco che poi firma l’ace del 10-12 costringendo Martinez a rifugiarsi nel time out. Purtroppo la strigliata del tecnico argentino non sortisce gli effetti sperati perché è sempre il Martignacco a fare la partita e infatti alla seconda sosta tecnica le friulane conducono 13-16. Nella seconda parte del set però il Bassano trova nuovamente la verve dei primi due parziali ed è ancora Mason a suonare la carica dalla linea dei 9 metri: l’Itas va in tilt e le leonesse recuperano lo svantaggio portandosi avanti 17-16 e accendendo l’entusiasmo di un pubblico di casa in visibilio per l’ennesima straordinaria prova delle ragazze di Martinez. Sul 19-18 Mangani, entrata in battuta, propizia lo smash di Rebecka Fucka (20-18), Rampazzo tira forte sulle mani del muro (21-19) e ancora Fucka mura per il 22-19 su cui mister Gazzotti chiama il secondo tempo a sua disposizione. Al rientro Moro piazza subito un ace (23-19), Facco batte in rete (24-20) e Mason, alla prima occasione, non sbaglia il contrattacco chiudendo i conti e mandando il Brunopremi.com in paradiso per una vittoria da sogno. In classifica il Brunopremi.com conserva il 6° posto in classifica con 23 punti e 9 lunghezze di vantaggio sulla terzultima, mentre domenica prossima è tempo di derby vicentino con il Montecchio capolista.