Un grande Bassano sfiora l’impresa, Padova vince in rimonta

0

Grande prova per più di metà partita delle leonesse che, avanti 2-0 e 18-15, subiscono il ritorno del Le Ali vittorioso ai vantaggi nei restanti 3 parziali: resta comunque un risultato straordinario contro una squadra d’alta classifica. (Si ringrazia l’ufficio stampa del Brunopremi.com Bassano).

Brunopremi.com Bassano – Le Ali Padova 2-3 (25-21, 25-21, 24-26, 23-25, 19-21 )

Brunopremi.com Bassano: Mason 19, Moro 13, Fucka R. 6, Pais Marden, Salimbeni, Rampazzo 14, Fucka T. (C) 5, Stocco 8, Mangani 11, Bertollo, Formilan (L), Andrich (L). 1° All. Martinez, 2° All. Folle

LeAli Padova Volley Project: Rossetto 12, Rinaldi 12, Soleti 18, Torchia 14, Pillepich 21, Trevisiol 1, Martinelli 2, Perata 8, D’Ambros (L), Rizzo, Mencarelli, Montaguti (L), Di Bonifacio 3, Pedron. All. Cavallaro

Note. Battute errate/vincenti: Bassano 5/9, Padova 14/5. Muri: 9-19. Arbitri: Giuliano Zambelli Tortori da Belluno e Simone Natale da Venezia

Il Brunopremi.com delle “piccole” leonesse di Martinez si conferma grande e ancora una volta una big di questo campionato deve fare i conti con la voglia, l’entusiasmo e la qualità del gruppo bassanese: al PalaLungobrenta, nel turno infrasettimanale di martedì sera, il Le Ali ha rischiato grosso e alla fine se n’è tornato a casa con 2 punti ottenuti in rimonta al termine di un’autentica interminabile battaglia. Merito di capitan Fucka e compagne, straordinarie per più di metà partita e capaci di portarsi avanti 2-0 nel computo dei set e 18-15 nel 3°: dopodichè c’è stato l’inevitabile ritorno di Padova, formazione costruita per navigare ai piani alti e che ha messo in campo tutta la qualità e l’esperienza delle sue giocatrici. Ma anche quando il Le Ali ha preso in mano le redini dell’incontro non c’è stato un dominio netto, anzi, le ragazze di Martinez hanno lottato strenuamente perdendo praticamente ai vantaggi i restanti tre parziali e andando vicinissime al successo nel 5° set. Quindi a fine serata anche se resta la comprensibile rabbia per un successo sfumato a pochi passi dal traguardo, non si può che essere soddisfatti dell’ennesima grande prova delle leonesse, tanto più perché di fronte avevano una grande squadra.

Per il Brunopremi.com scendono in campo dal primo minuto Stocco-Moro, Mangani-Rampazzo, Tatjana e Rebecka Fucka con Formilan a guidare la seconda linea. L’inizio di primo set è equilibrato ma il Le Ali Padova fa qualcosa in più soprattutto in attacco dove le ragazze della squadra ospite sembrano più incisive rispetto a un Bassano piuttosto falloso: alla prima sosta tecnica la squadra di coach Cavallaro è avanti di due lunghezze (6-8) che diventano quattro a metà set (8-12) quando mister Martinez è costretto a chiamare il primo tempo a sua disposizione. Sull’11-15 le leonesse difendono due volte, Stocco serve Moro in quattro e la ex giocatrice del Le Ali inventa due colpi dei suoi che accendendo il match e riaprendo la contesa: stavolta, sul 13-15, è la panchina padovana a chiamare tempo. Il Brunopremi.com però sembra essersi risvegliato e la parità arriva con un muro e un contrattacco di Mangani che mette dunque la sua firma sul 15 pari. L’inerzia della partita è cambiata e il sorpasso è ormai dietro l’angolo: le leonesse sono scatenate e il Le Ali finisce sotto 21-18 con tre attacchi di Moro, Rebecka Fucka e Mangani, mentre l’allenatrice padovana deve chiamare nuovamente tempo. Nel finale di set c’è gloria anche per Stocco che stampa da sola il muro del 23-19, prima della fast di Rebecka Fucka (24-20) e della chiusura di Rampazzo che regala sul 25-21 il 1° set al Brunopremi.com.

Anche il 2° set si apre, esattamente come il 1° con la squadra ospite a condurre il gioco e con le ragazze di Martinez che invece subiscono finendo sotto 5-8 alla prima sosta tecnica, mentre il tecnico argentino getta nella mischia Mason. Al rientro in campo Padova attacca in rete per poi subire il muro a uno di Moro che festeggia il 7-8. Il Le Ali torna avanti 9-12, ma altri due errori in attacco della formazione ospite regalano al Bassano la parità (12 pari) in una partita tecnicamente non esaltante, ma senza dubbio emozionante e ricca di colpi di scena. Rampazzo scalda il braccio con due attacchi vincenti che portano in vantaggio la squadra di Martinez (14-12), mentre una grande giocata di Mason fa volare il Brunopremi.com a +3 (15-12). Padova recupera qualcosa (18-17), ma le leonesse difendono con le unghie e con i denti il vantaggio nelle fasi finali di un set davvero equilibrato ed avvincente: Mason usa le mani del muro per il 21-19, Padova sbaglia ancora in attacco (22-19), Rampazzo regala il 1° set point (24-21) mentre è l’ennesimo attacco errato del Le Ali a inchiodare il punteggio sul 25-21 per il 2-0 in favore della squadra di casa.

Bassano parte bene anche nel 3° con set con Mason e Rampazzo che si confermano in gran spolvero anche nelle prime fasi del parziale (4-2), ma Padova rimonta e ancora una volta come nei parziali precedenti la formazione ospite è avanti alla prima sosta tecnica (7-8): a metà parziale le padovane trovano il doppio vantaggio (11-13), mentre una Rampazzo letteralmente scatenata piazza tre attacchi di fila per il 15 pari che accende l’entusiasmo giallorosso in campo e sugli spalti. La stessa Rampazzo continua a far male anche dalla seconda linea perché è sempre lei a piazzare l’ace che regala il vantaggio alla Bruel (16-15). Al rientro in campo dopo la sosta Mason inventa uno strepitoso lungolinea (17-15) mentre ancora Sofia Rampazzo mette a segno un ace per il massimo vantaggio del Bassano nel set (18-15). Padova però non si arrende trovando la parità a quota 19, punteggio su cui arriva il time out di mister Martinez. Il Brunopremi.com torna avanti con un ace di Mason (22-21), il primo set point però arriva per il Le Ali che riesce a murare una sin qui immarcabile Rampazzo (23-24): Martinez chiama tempo e la schiacciatrice padovana al rientro attacca senza paura annullando il set point, ma il Le Ali alla seconda occasione non sbaglia e sul 24-26 il match è ufficialmente riaperto.

Nel 4° set Padova sulle dell’entusiasmo si porta avanti 1-4, ma le leonesse reagiscono subito trovando la parità con Rampazzo (5-5) e il vantaggio con un gran muro di capitan Fucka (6-5), mentre alla prima sosta tecnica le padovane sono di nuovo avanti (6-8). Il Bassano resta aggrappato al match ma in questa fase, mentre si rivede in campo Mangani per Rampazzo, il Le Ali ha qualcosa in più nella gestione di tutti i fondamentali: la squadra ospite allunga sul 9-12 (time out Martinez) e poi ancora 11-16 alla seconda sosta tecnica. Le ragazze del Le Ali sembrano avere in pugno il set, ma Moro tiene in vita le residue speranze di andare al 5° set (16-19), capitan Fucka mura per il 18-20, la sorella Rebecka firma il 20-22 e Mason in battuta mette i brividi ai tifosi padovani con l’ace del 21-22 su cui arriva il time out di coach Cavallaro. Ma non basta perché Padova tiene duro e va giocarsi due set point sul 22-24: il primo è annullato da Mangani con una gran giocata, ma sul secondo Rossetto non sbaglia e le due squadre si danno appuntamento al tie break.

In un 5° set equilibratissimo, a degno coronamento del match, le due squadre si inseguono ma è Bassano a mettere a segno il primo break con l’ace di Stocco (6-4), le leonesse hanno un punto di vantaggio (8-7, ace di Mason). La squadra di Martinez trova un altro break in battuta e stavolta è Moro a firmare l’ace per l’11-9 che illude i tifosi bassanesi: Padova infatti non molla un centimetro trovando la parità in battuta con Pillepich (11-11). Il Brunopremi.com torna avanti con Rebecka Fucka (12-11), poi tocca di nuovo al Le Ali che costringe al time out Martinez (12-13). Nell’ennesimo ribaltamento di fronte il primo match point è del Bassano che, con Pais Marden in battuta, approfitta di un errore di Rinaldi in attacco (14-13). Al rientro in campo dopo il time out padovano le leonesse hanno la palla per chiudere ma un errore in attacco riporta in gioco il sestetto ospite. In un finale di set pazzesco, Padova e Bassano si giocano un bel po’ di match point ciascuna regalando emozioni a non finire: alla fine però, sul 19-20, le ragazze di Martinez sbagliano l’ultimo attacco regalando il successo alle padovane che festeggiano la vittoria lasciando tantissimi rimpianti in casa Brunopremi.com. Le leonesse giocano una partita straordinaria, ma alla fine raccolgono un solo punto dopo aver accarezzato davvero tante volte il dolce sapore del successo. Delusione a parte resta la soddisfazione di aver visto in campo una grande squadra e un gruppo straordinario che ha giocato alla pari con una squadra costruita per stare in alto. Un gruppo cui stasera è mancata sola la vittoria, perché per il resto  sono stati, ancora una volta, applausi per tutte.