Le Leonesse provano a tarpare le Ali al Padova

0

Ancora un derby veneto, questa volta con le Ali Padova, nell’insolito turno infrasettimanale della dodicesima giornata di campionato della serie B di volley femminile. Se nel fine settimana si sono disputate gran parte delle partite, nella serata di martedì quattro formazioni giocheranno il posticipo per gli impegni di alcune atlete con il torneo di qualificazione agli Europei Prejuniores.

Con fischio d’inizio alle 20.30 Fucka e compagne saranno chiamate, con il sostegno del pubblico di casa, a dare del filo da torcere alle fenicottere padovane. Solo due i punti che separano due formazioni che già nelle passate stagioni si sono trovate a lottare gomito a gomito, ma per la salvezza. Oggi l’aria che si respira è quella dell’alta classifica, se le padovane precedono a quota venti, le giallorosse seguono con il fiato sul collo e in palio il quinto posto di una classifica che rimane decisamente corta. Non ci saranno sorprese dagli altri campi, Ospitaletto e San Donà (l’altro posticipo) sono entrambe a quota 14 e alla peggio si avvicineranno, ma nulla di più. Ghiotta occasione, dunque, per il Brunopremi.com Bassano di premere sull’acceleratore cavalcando l’onda di uno stato di forma fisico e mentale decisamente favorevole.

Sei le vittorie nelle ultime sette partite, riuscendo la scorsa settimana a espugnare il fortino veneziano. Alla corte di Martinez i piedi, però, sono ben saldati a terra: se si volta lo sguardo all’indietro ci si rende conto che la zona rossa dista solo cinque punti, troppo pochi per non restare umili.
L’avversario di turno, Le Ali Padova, è ben conosciuto, lo scorso anno ha visto sfumare il sogno promozione alle semifinali dei play off .Ha compiuto quest’estate un’importante rivoluzione nell’organico: il presidente D’Amore, al suo terzo anno al vertice societario, ha ingaggiato Manuela Cavallaro alla guida tecnica e un roster di atlete ringiovanito capitanato da Di Bonifacio, con alcune giocatrici dal settore giovanile e nuovi volti sono arrivati in cabina di regia, rinforzi in banda e al centro. Non hanno di certo sofferto problemi di amalgama, sei le vittorie all’attivo e tanto ritmo in campo. Non si può certo dire che al Palalungobrenta verranno da veterane visto che molte atlete sono nuove, ma di certo agguerrite per difendere il vantaggio e andare a ridosso del Martignacco.