Brividi al Druso: giallorossi in 10 agguantano il pari al 90′

0

Arriva quando ormai non te l’aspetti il pari del Bassano Virtus, dopo un match, quello con il Sudtirol,  che sembra stregato per i colori giallorossi. Ad Druso finisce 1-1, con le marcature dell’ex Furlan e del solito Minesso. Il vantaggio dei padroni di casa arriva al 61′ con un tiro imprendibile di Furlan dai 25 metri che s’insacca sotto l’incrocio dei pali, dove Rossi non può arrivare.
Al 80′ le cose si complicano ulteriormente per l’espulsione di Zibert, fuori per  proteste. Ma i giallorossi non mollano mai e al 90′ conquistano un rigore per un fallo di mano di Obodo su tiro di Proietti: sul dischetto si presenta Minesso che con freddezza riporta il risultato in parità, siglando così la sua decima rete in campionato.

Al termine della gara si sono presentati in sala stampa mister D’Angelo, Giovanni Formiconi e Mattia Minesso.
Mister D’Angelo: “E’ un pareggio meritato, abbiamo subìto lo svantaggio nel nostro momento migliore. Il campo purtroppo ha penalizzato il nostro gioco, ma i ragazzi sono stati bravi in inferiorità numerica ad agguantare il pareggio su rigore. Prima c’erano altri due rigori evidenti non ravvisati dall’arbitro: nel primo tempo per un fallo di mano in area e nel secondo per una trattenuta ai danni di Grandolfo. Domenica affronteremo il Lumezzane, dobbiamo stare concentrati, ogni giornata ci dimostra quanto questo campionato sia difficilissimo e nella prossima gara avremo anche qualche difficoltà a centrocampo visto che ci mancheranno sia Bianchi che Zibert”.

Giovanni Formiconi: “E’ stata una partita molto combattuta dal primo al novantesimo minuto, la gara era in equilibrio, l’ha aperta un epidosio a loro favore con un grandissimo gol di Furlan. Poi nonostante l’inferiorità numerica ci abbiamo creduto fino alla fine e abbiamo raggiunto il pareggio per rigore, dopo altri due episodi dubbi non fischiati. Abbiamo ripreso il passo di inizio anno, dopo il calo dei mesi scorsi, ora dobbiamo continuare su questa strada”.
Mattia Minesso: “Sapevamo che sarebbe stata una gara difficile, potevamo forse fare qualcosa in più, ma abbiamo dimostrato di saper soffrire. Il campo non era migliori condizioni, però penso che alla fine sia un punto da tenerci stretto e ora cominciamo già a lavorare per la prossima partita. Il rigore? Sono contento di avere questa responsabilità, anche se l’ultimo rigore non era andato a buon fine, io cerco di farmi trovare pronto. La doppia cifra? Sono molto felice, non l’avevo mai raggiunta in carriera, ora non mi pongo obiettivi, spero solo di poterne realizzare tanti altri per aiutare così la squadra”.