Al “De Danieli” tripudio giallorosso! Il Rugby Bassano prende la “Mira” e abbatte il Riviera

0

Muscoli, mente e cuore. E al “De Danieli” il Rugby Bassano 1976 si impone sul Rugby Riviera al termine di una sfida tirata, combattuta e nella quale i colpi di scena non sono mancati. Alla fine i giallorossi vincono 28-27 e volano in testa alla classifica del girone “promozione” chiudendo la giornata con la consapevolezza di potersela giocare con chiunque.

Non è un inizio facile quello odierno per la formazione di coach Andrea Segafredo che all’ultimo si ritrova a dover fare a meno, oltre che dei già noti Simonetto e Cunial, anche degli infortunati dell’ultim’ora capitan Marco Zalunardo e Mattia Ganassin; assenze importanti che costringono l’allenatore giallorosso a rivedere i propri piani, schierando comunque un quindici che entra nel rettangolo del “De Danieli” motivato e pronto alla battaglia.

Pochi minuti e i veneziani del Riviera passano al comando con una meta scaturita da un’incursione centrale contro la quale i giallorossi non riescono ad opporsi. Sul 7-0 i verdeblu costringono più volte il Bassano a difendersi con i denti, mettendo in mostra una prestanza fisica che in alcuni casi, solo inizialmente però, fa temere il peggio. Poi Bassano rialza la testa, gonfia il petto e trascinato dai supporter del “De Danieli” cresce minuto dopo minuto. L’avanzata di Filippucci al ventesimo con la conseguente touche conquistata dal Bassano è il preludio alla meta del pareggio. Riviera in inferiorità e Bassano che ne approfitta grazie a Dalla Palma, finalizzatore perfetto dell’azione insistente a ridosso della linea di meta avversaria. Nicola Cei, numero 9 e oggi capitano per la prima volta da quando veste la casacca della formazione senior giallorossa non sbaglia il conseguente calcio per il 7-7.

Pochi minuti più tardi, e con il Riviera nettamente più in difficoltà rispetto all’inizio, tocca a Davide Lago in velocità mettere in crisi la formazione ospite. Ne salta quattro nella sua volata, favorendo la conseguente mischia che Bassano di prepotenza spinge fino all’area di meta. Qui è Lorenzo Zanzot a schiacciare il pallone per il 12-7 che diventa 14-7 grazie ancora una volta al piede di Nicola Cei.

Il Riviera prova a ricordarsi “come si fa” ma il tentativo dei veneziani di andare in meta è annullato dalla difesa bassanese che impedisce agli avversari di mettere a terra il pallone; brividi, ma i verdeblu insistono e il 14 pari arriva comunque pochi attimi più tardi. Solo un’illusione però, perchè alla mezz’ora il Riviera conquista una touche ma Dalla Palma è abile a smorzarla da subito e a portare a 19 i punti per il Bassano con Cei che, di piede, allunga fino al 21.

Ed è lo stesso Nicola Cei poco dopo che prende un pallone e lo trasforma in oro. Il numero 9 giallorosso non ha grandi spazi davanti, ma è abile a crearseli e ad evitare tre avversari prima di involarsi e mettere a segno la meta del 26-14. E sempre Cei di piede non sbaglia e il 28-14 è cosa fatta.

Al cambio di campo lo staff tecnico dei veneziani prova a strigliare i giocatori, il Bassano invece si compatta ancor di più preparandosi ad una seconda frazione molto più simile ad una battaglia che ad una partita di rugby. Il Riviera inizia spingendo e i toni si alzano; Alberto Filippucci incappa in un giallo ma la squadra di coach Segafredo inizialmente riesce a tenere e a difendersi dagli attacchi avversari che lentamente però si fanno sempre più pericolosi.

L’esperienza del Rugby Riviera e la voglia di non andarsene da Bassano a mani vuote porta i giocatori della formazione di Mira ad andare in meta per il 28-19. Poi un piazzato di Nicola Pavin regala ai verdeblu il 28-22 ma è proprio il numero 10 ospite, giocatore d’esperienza con un passato importante nella massima serie italiana con le maglie di Petrarca e Calvisano, che incappa in un blackout dal quale non si riprenderà più fino alla fine. Sbaglia il calcio conseguente alla meta del 28-19 ma soprattutto sbaglia i due comodi tentativi che il Riviera ha, dopo la meta del 28-27, per scavalcare Bassano. La palla, in entrambi i casi, sibila all’esterno dei pali e alla chiusura decretata dall’arbitro il fortino giallorosso esplode in un delirio per la vittoria, con tanto di bonus, conquistata contro una delle squadre favorite di tutto il girone.

Il Rugby Bassano 1976 si gode la festa e la soddisfazione per aver vinto una sfida decisamente impegnativa e si prepara ora al prossimo match in programma tra due settimane, il 19 febbraio sul campo dell’OFM Lusetti Rugby Trieste.