Eddie Sciessere guarda avanti: “Dopo il Città di Bassano, tanti importanti progetti futuri”

0

Ha vinto la trentatreesima edizione del Rally Città di Bassano. Eddie Sciessere da Lusiana, altopiano di Asiago, ha staccato tutti, ha dato metri e metri d’asfalto al resto dei contendenti e ha battuto la temibile concorrenza. Ma ad un mese e mezzo dalla vittoria, cosa resta di quel trionfo? Glielo abbiamo chiesto, andando a ripercorrere con il trionfatore del Città di Bassano la sua importante carriera.

Eccoci. Raccontaci i tuoi inizi. Da quanto corri?

Ho iniziato a correre all’età di 15 anni nelle gare neve e ghiaccio e nelle gare in pista. Raggiunta la maggiore età sono passato ai rally,il mio sogno.

La tua scuderia attuale?

Il mio team attuale e la Dmax Racing.

Descrivici le tue emozioni dopo la vittoria del Rally Bassano.

E’ davvero difficile. Tutto è iniziato a metà dell’ultima prova di Marcesina, dove mi sono tornati alla mente alcuni attimi del Bassano 2011, quando persi a 2 km dalla fine dell’ultima prova speciale proprio nella gara di casa mia, dopo una bella rimonta e quando ormai assaporavo già quel successo. Tuttavia quell’attimo è passato subito ed ho ripreso la concentrazione. Sapevo di essere andato forte ma ero altrettanto cosciente che mi mancava molto allenamento e velocità e quindi tutto era possibile; non ero sicuro di aver vinto ma ho cercato di spingere al massimo fino alla fine per non dover rivivere brutte sensazioni come quelle della beffa del 2011. Quando poi è uscito il tempo, è stato un mix di ricordi ed emozioni ed ho iniziato a realizzare che il Rally di Bassano, quella gara “stregata” che avevo perso e che tanto male mi aveva fatto, mi aveva appena ripagato di quel dolore regalandomi uno dei giorni più belli della mia vita.

Rally Città di Bassano ma non solo, perché la tua carriera è costellata comunque da altre vittorie importanti.

Non ricordo benissimo tutte le vittorie ma indicativamente nei rally ho 52 partecipazioni, 26 vittorie tra assolute e di classe, 16 ritiri di cui solamente 2 per incidente.

Chi è il tuo navigatore?

Luca Baù.

Che rapporto avete?

Con Luca c’è un rapporto speciale che va oltre l’amicizia. Ho corso con tantissimi navigatori molto bravi e titolati e sicuramente più esperti di lui, ma il rapporto tra noi due è qualcosa di diverso. In macchina sinceramente parliamo poco però basta uno sguardo per capirsi anche senza parlare. Sarà che sportivamente siamo cresciuti insieme e corriamo assieme da 12 anni. Credo vivamente di aver vinto questo Bassano proprio grazie a lui, perchè nonostante fossi non al top dal punto di vista fisico ero molto tranquillo sapendo di averlo vicino; e questo in parte ha colmato la mia non perfetta condizione fisica.

Sciessere-Baù, foto by Stefano Sartore

Sciessere-Baù, foto by Stefano Sartore

LEGGI TUTTE LE NEWS SUI MOTORI, NELLA PAGINA SPECIALE DI BASSANOSPORT

Descrivi la tua guida in tre parole.

Precisa,decisa,e credo predisposta per stare al limite.

Cos’è per te il Rally?

Per alcuni periodi quando i budget non erano sufficienti per fare quello che volevo veramente, mi sforzavo di ignorare i rally standone distante, cercando di non informarmi in alcun modo dei risultati o di altre cose affini. Affrontare quei periodi bui e senza corse mi ha fatto capire veramente che i rally sono semplicemente la mia vita ed il mio modo di esprimermi.

Progetti futuri?

Ci potrebbero essere delle belle cose per il prossimo anno, ma preferisco non parlarne più per scaramanzia.

Intervista a cura di Leonardo Scapin