Al De Danieli è festa per il Rugby Bassano 1976. Alpago travolto 41-17

0

Primo tempo senza sbavature, seconda frazione in leggero calo senza però particolari conseguenze. E il Rugby Bassano 1976 conquista anche il bonus nella vittoria ottenuta al De Danieli per 41-17 contro l’Alpago.

Gli uomini di Segafredo non si lasciano spaventare dal terreno pesante e al primo giro di lancette tocca a Dalla Palma rubare un pallone ai bellunesi e involarsi come il coltello nel burro a schiacciare in meta i primi cinque punti ai quali Marchetti aggiunge la ciliegina del piazzato per il 7-0 in apertura. Alpago prova a reagire ma Bassano non molla e consapevole dell’importanza del match odierno allunga ulteriormente grazie all’ennesima sortita avanzata di Dalla Palma. Si parte da una mischia, Alpago prova a rompere la giocata giallorossa che si riorganizza al meglio e costruisce le prerogative per un comodo 14-0 dopo dieci minuti di gara. Bellunesi imprecisi con il piede e incapaci di sfruttare un piazzato, la punizione è istantanea con il pacchetto di mischia bassanese, vero e proprio incubo per Alpago, che non concede nulla. Zalunardo mette a terra il 19-0, poco dopo tocca invece a Bordignon approfittare al meglio di un assist prezioso di Filippucci che apre il corridoio giusto al compagno permettendogli di involarsi verso la meta del 24-0. Dopo il piazzato del ventiseiesimo punto per i padroni di casa Alpago dá un senso alla propria trasferta bucando il reparto arretrato giallorosso e chiudendo la prima frazione sul 31-5. Bassano infatti non rallenta e nonostante il cambio dei piloni da parte del coach bellunese affonda nuovamente, ancora da mischia per il comodo parziale a metà gara.

Nella ripresa tocca a Ganassin inventare con una corsa che diventa inarrestabile da parte dei trequarti bellunesi, incapaci di fermare il rapidissimo giocatore giallorosso che porta a 36 i punti per i padroni di casa. Qui Bassano rallenta, e Alpago prova ad approfittarne; una prima meta viene annullata grazie all’intervento in extremis del Bassano, poi i bellunesi ne mettono due regolari. Sul 36-17 coach Segafredo alza la voce, striglia i suoi a non rallentare e butta nella mischia Giovanni Lucato, fermo da oltre un anno per problemi fisici. Risolti gli acciacchi, è accolta da un boato e da pacche sulle spalle degne di un tamponamento a catena la sua meta che sancisce il definitivo 41-17. La mischia spinge forte, Lucato vede il corridoio e va ad assaggiare il sapore dell’erba e del fango laddove i punti diventano fondamentali. 41-17 il risultato in favore dei giallorossi che salgono così a 18 punti e si mantengono nella “top 3” del girone.

“Siamo in crescita, il calo nel secondo tempo è dettato forse da un po’ di immaturità ma la prima frazione ci ha dato buone indicazioni – commenta a fine partita capitan Marco Zalunardo – nel secondo abbiamo gestito in parte male, ma adesso ci aspettano tre settimane durante le quali lavorare con intensità per ridurre ulteriormente i difetti, sfruttando al meglio questa pausa per gli impegni delle nazionali”.

Il Bassano e tornerà infatti in campo il prossimo 4 dicembre, dalle 14.30 in casa del Valsugana Rugby Padova. La classifica del girone nel dettaglio è al link http://www.federugby.it/index.php?option=com_joomleague&func=showresultsrank&p=154&layout=bydiv&Itemid=957&r=7&lang=it
Inviato da iPad