Fabbro – Minesso… la strana coppia del gol

0

“Il gol? Sai che non mi è ancora chiaro come l’ho realizzato? Dovrò rivederlo bene perchè… non pensavo proprio di tirare la lì!”. Michael Fabbro all’indomani dell’impresa con il Pordenone ammette che quel gol del 2-0 è arrivato proprio d’istinto: “pensavo di passare la palla indietro dopo lo stop – continua – e invece ho visto quel varco e ho tirato”.
Quel colpo d’istinto ha messo definitivamente la parola fine sulla sfida con la capolista, regalando ai giallorossi il ritorno ai tre punti e la terza piazza della classifica alle spalle proprio di Pordenone e Gubbio.
Con Fabbro, tra i marcatori che hanno iscritto il proprio nome nel tabellino anche Mattia Minesso, al suo quarto centro in campionato. “Abbiamo preparato la gara con questo modulo – il suo commento post partita – questo è un ruolo che posso ricoprire, anche se nasco come esterno. Il mister mi suggerisce spesso di provare la conclusione da fuori, sono contento di essereriuscitoa sbloccare la gara. Sulla trequarti ci sono giocatori importanti come Rantier e Candido, è un nostro vantaggio avere a disposizione così tanti giocatori duttili. Oggi abbiamo dimostrato di avere gli attributicontro una squadra forte”. Tutti hanno dato qualcosa in più ed è la terza gara in cui non subiamo reti: icampionati non li vincono le squadre che segnano di più, ma quelle che subiscono di meno”.