4-3 al Mercante. Il Bassano non soffre di vertigini: la vetta è ancora giallorossa

0

Quello visto questa sera al Mercante, almeno 85’, è il Bassano che dalle parti di via Piave vorremmo sempre vedere: concreto, aggressivo, attento, a tratti persino spettacolare. Ma soprattutto vincente. Un Bassano che, se togliamo gli ultimi 5 minuti (nei quali la testa dei giallorossi sembrava già negli spogliatoi) ha dimostrato di meritare la testa della classifica.

Dopo un primo tempo completamente dominato dai virtussini, nella ripresa gli uomini di D’Angelo sembrano subito poter chiudere definitivamente il match, fino a quando qualche leggerezza di troppo nelle retrovie (che regala due penalty alla Sambenedettese) e un calo di tensione non giustificato,dinnanzi ad un avversario di tutto rispetto, rischiano di trasformare il trionfo in beffa. Finisce 4-3 (le reti giallorosse portano la firma di Fabbro, Grandolfo e Minesso, autore di una doppietta) non senza qualche brivido finale. Quanto basta per portare a casa i tre punti e scalzare i marchigiani dalla vetta.

La cronaca.
Sambenedettese pericolosa già al secondo minuto dagli sviluppi di un corner e Bassano che risponde subito con Grandolfo: l’attaccante giallorosso lascia al palo la marcatura e si libera per il tiro che supera la traversa.
sull’angolo minesso dalla bandierina tira direttamente in porta man Pegorin respinge con i pugni
e ancora Minesso è pericolosissimo all’11° quando di potenza spara dai venti metri e sfiora il palo.
Sambenedettese costretta alla prima sostituzione dopo appena 18 minuti per l’infortunio di Berardocco sostituito da Lulli.
Al 22’ Fabbro innesta il turbo, entra in area e Di Filippo lo sfiora: il rigore forse è dubbio ma non per Piscopo che indica il dischetto: va Minesso, che senza timore calcia alla sinistra di Pegorin e porta in vantaggio i suoi.
Gli uomini di D’Angelo non mollano la presa e continuano a schiacciare la Sambenedettese nella sua metà campo: al 30’ è Falzerano che finta il passaggio e tira in porta colpendo il palo.
Il raddoppio giallorosso arriva al 38’: l’azione prende avvio da un corner e dopo una lunga serie di rimpalli è ancora una volta Michale Fabbro ad insaccare la sua quarta rete stagionale. Tre minuti dopo gli ospiti accorciano con un colpo di testa vincente di Mancuso.
Di Filippo ancora protagonista in negativo per i marchigiani: stende Grandolfo in area e rimedia la seconda ammonizione prima di uscire in barella, costringendo gli ospiti a rimanere in 10. C’è tempo solo per battere il penalty: sul dischetto va ancora Minesso che non perdona. Si va al riposo sul 3-1.

Bastano 4 minuti al Bassano per chiudere definitivamente la partita: Falzerano si allarga sulla sinistra e serve Crialese che crossa al centro: Grandolfo la tocca di tacco e sorprende Pegorin per il 4-1. Nemmeno il tempo di festeggiare e i virtussini potrebbero persino allungare cin Falzerano che dribla la difesa e tenta la conclusione su cui questa volta l’estremo marchigiano non si fa sorprendere.
All’10’ Mancuso accorcia le distanze dal dischetto dopo l’atterramento in area di Tortolano da parte di Formiconi.
D’Angelo inserisce Cenetti per Formiconi e Maistrello per Grandolfo e proprio Tommy ha subito un’occasione d’oro per deviare in rete un cross di Falzerano mentre gli ospiti recriminano per il palo pieno colpito di Lulli. Ultima sostituzione per il Bassano: D’Angelo regala l’ovazione del Mercante a Minesso e qualche minuto a Rantier.
La sfida sembra ormai tutta in discesa e in campo forse s’illudono già di essere negli spogliatoi: niente di più sbagliato. Al 39’ Barison stende in area Mancuso ed è Di Massimo che dal dischetto porta gli ospiti sul 4-3. Gli ultimi minuti sono sofferenza pura. Ma solo sofferenza. I tre punti sono giallorossi.