Bassano – Pordenone: arriva la capolista, infarcita di ex

0

In ogni stagione ci sono sfide che valgono molto più dei tre punti in palio. Sfide che, per qualche ragione, hanno un sapore differente. Alla vigilia dell’inizio di campionato avevamo chiesto al presidente virtusino, Stefano Rosso, quale sarebbe stata, per lui, la partita da vincere ad ogni costo. Sono bastati pochi secondi, al numero 1 di via Piave,  per identificare l’avversario di stagione: il Pordenone. Quello infarcito quest’anno di ex giallorossi, tanto da essere già stato ribattezzato da nostro collega il “Bassanone”.

Ingegneri, Stefani, Misuraca, il “condor” Pietribiasi, Berrettoni, Cattaneo e Semenzato, autore sabato del gol decisivo contro il Venezia. Questo il plotone ex virtussino, oggi capolista in maglia neroverde. Sette pedine che fanno più di metà squadra e che sabato sera (si gioca alle 20.30) torneranno in quel Mercante che per una o più stagioni, li ha visti protagonisti.

Ci sarà da divertisti, perché il Pordenone, oltre a guidare la classifica in solitaria, vanta anche il miglior attacco del campionato, grazie all’ “Arma” da gol rappresentata dall’ex Vicenza Rachid. I bassanesi, lungodegenti a parte, saranno al completo, nessuno squalificato infatti in casa giallorossa.
A dirigere Bassano Virtus-Pordenone sarà Emanuele Mancini della sezione di Fermo,  coadiuvato da Andrea Trovatelli di Pistoia e Francesco Gnarra di Siena.