Rally Città di Bassano: ecco i protagonisti annunciati, e le possibili sorprese!

0

Con il numero uno sulle fiancate si presenta la Ford Focus WRC del giovane trevigiano Marco Signor, in coppia con il fido Patrick Bernardi. Grandi protagonisti del tricolore WRC, secondi in campionato nonché recenti vincitori del  “Marca Trevigiana”  e del “San Martino di Castrozza”, partiranno per mettere la loro firma sull’albo d’oro bassanese.

Un albo d’oro che vede scritti “nomi” altisonanti già dalle prime edizioni negli anni ottanta. Sono ben sei le vetture World Rally Car al via e sicuramente Signor non avrà vita facile, per puntare al successo: Mauro Spagolla (Ford Fiesta WRC), vincitore per due volte cercherà il tris, l’asiaghese Eddie Sciessere (Citroen C4 WRC), Michele Piccolotto(Ford Focus WRC, vincitore dell’edizione 2005), Andrea Dal Ponte ed il sempreverde Adriano Lovisetto(anche loro con la Ford Fiesta WRC), cercheranno sicuramente l’alloro.

Nutrita anche la pattuglia delle vetture di classe R5, “capitanata” dal vincitore dell’ultima edizione della gara, Giacomo Costenaro, di nuovo con la Peugeot 208 T16 R5, mentre con una Citroen DS3 a dare un tocco di internazionalità all’evento ci sarà il francese Robert Consani, uno che non va per il sottile  quando c’è da pensare a dare gas.

Paolo Oriella, vincitore dell’edizione 2014 sarà al via con una più datata, ma comunque efficace Peugeot 207 S2000, con la quale cercherà di arrampicarsi nelle posizioni al sole dell’assoluta e come lui, punta a qualcosa di importante il detentore del record di allori bassanesi, Alessandro Battaglin. Il “rosso di Marostica”, pilota di lungo corso e di livello eccelso, ha vinto l’ultima volta a Bassano nel 2010 e quest’anno si presenta con una vettura diversa dal solito, una Mitsubishi Lancer Gruppo R, con la quale ha comunque tutte le carte in regola per mischiare le carte in tavola.

Interessante anche qualche dato in più, che riguarda i concorrenti: con il numero 24, al volante di una Mitsubishi Lancer Evo IX gruppo N partirà Remigio Bau, un affezionato alla gara: si è iscritto a tutte e trentatré le edizioni, saltandone poi solo una, perché impossibilitato a partire per problemi fisici. Un record. Come un record è quello del tedesco Mathias Moosleitner, quest’anno in gara con una BMW M3, anche di lui non si contano le presenze in gara.