Gabriella Dorio: “La medaglia olimpica? E’ impressa nel mio cuore” (VIDEO)

0

Quell’ultimo giro dei 1500 metri, al Memorial Coliseum di Los Angeles è vivo ancora negli occhi di moltissimi bassanesi: Gabriella Dorio, padovana di nascita ma bassanese d’adozione ingaggia un duello fatto di continui sorpassi con la romena Melinte. Fino agli ultimi 80 metri quando Gabriella cambia marcia, allunga la falcata e taglia quel traguardo che vale l’oro Olimpico. Un ricordo indelebile, che torna a galla, inevitabile, ogni volta che si riaccente il tripode.
Da quel giro e da quell’oro Olimpico sono passati esattamente 32 anni, ma quando chiediamo a Gabriella Dorio cosa ricorda di quell’avventura non ha dubbi. “Ho chiara in mente la prima volta che sono entrata in quello stadio, le emozioni, le sensazioni di allora, le rivivo chiare nella mia mente, come se il tempo non fosse mai trascorso”.
Se dovesse spiegare cos’è l’emozione olimpica?
“Quando si dice che un’olimpiade è un’altra cosa rispetto ad un campionato del mondo, ad un record è proprio così. Quella gara ha un sapore differente. Per questo quando mi chiedono cos’ho conquistato nella mia carriera, prima ancora che pensare alla medaglia, mi viene facile rispondere: 5 finali olimpiche, che da sole vogliono significare tutto”.
Quella medaglia, Gabriella Dorio la guarda mai?
“Sinceramente non la tiro fuori, non la tengo in mano. Non serve. Perchè quella medaglia, è sempre nel mio cuore”.