Misteri e segreti! Il Room, verso il Torneo dei 12 banconi, non si scopre!

0

Più difficile da trovare di Batman, più restìo alle interviste di Ricky Bueo, più misterioso di Diabolik. Per riuscire ad intervistare Gino Brunello, alias “Il boss del Room”, abbiamo dovuto scomodare Federica Sciarelli e la trasmissione Chi l’ha visto. Prima di intervistarlo, avremmo anche potuto intervistare Joe Bastianich che al Room, alcune settimane fa, si era esibito in un concerto assieme ad alcuni amici. La nostra redazione però ha deciso di continuare a lottare, e grazie al tandem d’attacco Leo+Elia siamo riusciti a scovare Gino Brunello e a strapparlo per alcuni minuti, solo con scrittura testuale, alla sua attività lavorativa.

Dopo gli ottimi piazzamenti degli anni precedenti al Torneo dei 12 Banconi, il sodalizio guidato da Gino Brunello punta anche nell’edizione in programma tra una settimana, a stupire in campo e non solo, come ci spiega appunto il boss: “I ragazzi sono sempre stati molto competitivi ed hanno sempre lottato per le prime posizioni, ma c’è un torneo nel torneo al quale puntiamo; ed è ovviamente quello della PDF”.

La gara la conosciamo tutti ed è quella relativa alla squadra con il maggior numero di belle (e brave) ragazze tra le proprie fila; l’acronimo decifratelo voi a questo punto. Noi torniamo da Gino: “L’anno scorso per una serie di circostanze non abbiamo fatto nessuna festa, di sicuro porremo rimedio raddoppiando tra una settimana”.

Gente tosta dunque quella del Room, pronta a dare battaglia su ogni fronte. Avremmo voluto fare una terza domanda a Gino. Ma è nuovamente scomparso. La vera domanda, allora adesso, è la seguente…: il 18 giugno in Prato Santa Caterina ci sarà anche lui, o continuerà a rimanere nascosto demandando ai suoi fedeli giocatori il compito di tenere alto l’onore del Room…?

Intervista a cura di Elia Lazzarotto