Maccagnan ad un passo dal podio nella finale di Coppa del Mondo in Francia

0

L’azzurro Italia continua ad essere vincente grazie agli specialisti della canoa discesa. Ed in particolare grazie alla pluricampionessa mondiale ed europea Costanza Bonaccorsi, portacolori della Canottieri Comunali Firenze che nell’ultima giornata di gare in coppa del mondo a Pau, in Francia, regala all’Italia un preziosissimo argento. Quarto, a meno di mezzo secondo dal podio invece, il valligiano della Valbrenta Davide Maccagnan. Una gara che chiude così la rassegna iridata 2016 con Maccagnan sesto al mondo, quattordicesimo assoluto invece il rosatese Andrea Bernardi.

Nella finale andata in scena oggi nello stadio della canoa transalpino, la pagaiatrice toscana è seconda con appena 89 centesimi di ritardo nella finale sprint dalla svizzera Melanie Mathys che vince la medaglia d’oro grazie ad una finalissima chiusa in 48.34. Alle spalle della Bonaccorsi nel K1 femminile, sale sul terzo gradino del podio la padrona di casa Marion Leriche, francese che chiude con 1.44 di ritardo dal primo posto. Nella stessa finale piazzamenti positivi comunque anche per le altre due azzurre presenti; Beatrice Grasso è ottava con 7.16 di ritardo dal primo posto, nona Giulia Formenton con un distacco dalla leadership di 7.49.

Per un podio conquistato, ce n’è un altro che l’Italia sfiora appena ma che avrebbe indubbiamente meritato. E’quello di Davide Maccagnan, pagaiatore vicentino in forza alla Forestale che nella finalissima del K1 maschile chiude al quarto posto con un distacco di 1.11 dalla medaglia d’oro e ad appena 34 centesimi dal bronzo. Le medaglie vanno così a Nejc Znidarcic (oro, Slovenia in 42.89), Tomas Slovak (argento, Repubblica Ceca) e Yannick Lemmen (bronzo, Germania). Nulla da fare per l’azzurro, autore comunque di una prova di qualità alla quale è mancato solo lo spunto conclusivo.

Lontani dal podio invece, ma comunque abili a raggiungere la finale, sono i tre azzurri del C1 maschile. Nella gara vinta da Ondrej Rolenc in 45.70, seguito dal connazionale ceco Antonin Hales in 46.74 e dal francese Quentin Dazeur, il migliore degli azzurri è Giorgio dell’Agostino, nono a 6.66 dalla leadership. Decimo Paolo Razzauti a 6.83, non partito Mattia Quintarelli, incappato in una sublussazione scapolare durante le prove dovuta ad un movimento sbagliato nell’ultimo passaggio. L’azzurro ne avrà per una decina di giorni, poi comunque potrà tornare competitivo. Ottavo e nono posto per le azzurre invece nel C1 femminile, prova vinta dalla ceca Martina Satkova in 55.02 sulle francesi Claire Haab e Cindy Coat. Valentina Razzauti è ottava a 6.58, Alice Panato è nona a 9.31.

In classifica generale di Coppa del Mondo l’Italia chiude con ottimi piazzamenti: nella generale del C1 vinta dal francese Quentin Dazeur è secondo Mattia Quintarelli con 154 punti contro i 171 del transalpino. Terzo con 151 punti Giorgio Dell’Agostino, sesto Paolo Razzauti. Nel K1 femminile Costanza Bonaccorsi sfiora la vittoria e al termine delle quattro prove è seconda con 183 punti, sei in meno della svizzera Melanie Mathys che vince il trofeo. Quinta Beatrice Grasso con 141 punti, undicesima Mathilde Rosa, diciottesima Giulia Formenton. Nel C2 femminile secondo posto per il tandem Razzauti/Panato con 92 punti, otto in meno delle vincitrici Coat/Claire; nel K1 maschile Davide Maccagnan è sesto con 327 punti con la coppa che va al francese Paul Jean, primo con 360 punti. Quattordicesimo Andrea Bernardi, sedicesimo Francesco Ciotoli e a seguire gli altri italiani. Nel C1 femminile, con la coppa che va alla francese Cindy Coat, quarto posto per Alice Panato con 163 punti, quattordici in meno della transalpina. Quinto posto per Valentina Razzauti.

Qui nel dettaglio il link alla classifica di coppa del mondo 2016 http://kanu-wildwasser.de/images/stories/pdf/ergebnisse2016/2016_ICF_WORLD_CUP.pdf