Chantal verso il Torneo dei 12 Banconi: “Trofeo nuovamente in palio, ma tornerà qui tra dieci giorni

0

Mario Farronato è il boss della squadra campione anche se al suo fianco è sempre presente, vigila e comanda, Chantal Conte, vera e propria anima della compagine detentrice del titolo che lascia al buon MF di rispondere alle nostre domande:

“Su 9 edizioni, 8 volte sul podio. No digo altro”.

Noi invece dobbiamo commentare una superiorità impressionante. Quella espressa sul campo dal Bar Trattoria Chantal che sabato si presenterà al via della nona edizione con i gradi di favorita. Non si può certo definire “outsider” quindi una squadra che, su nove competizioni totali, è sempre arrivata in alto. Nel suo piccolo, però, lontano dalla “guerriglia sportiva” del centro di Bassano, il Bar Trattoria Chantal prepara la festa nella quiete di Sacro Cuore a Romano d’Ezzelino.

“La famiglia dello Chantal è pronta anche per questa edizione – racconta Mario Ferronato – abbiamo partecipato a tutte le edizioni,  siamo la squadra con più tornei all’attivo. Ne abbiamo vinto già 3, finendo a podio 8 volte sulle 9 edizioni, e quest’anno la coppa deve tornare a casa”.

Prosegue Mario…

“Come ogni anno abbiamo fatto la squadra con il grande capitano “Puito”, Erminio Chemello – racconta – ma tutti lo conoscono come Puito! Quest’anno però abbiamo anche una novità, parteciperemo alla PDF con una squadra femminile. Le ragazze scalpitavano e allora abbiamo scelto di fare la squadra.”

Noto che siete molto legati a questa competizione, porti anche la maglia del torneo.

“Il mondo del Rugby è bellissimo. Quando potevamo, andavamo a vederlo. Andremo in prato per fare festa con loro e per fare conoscere questo meraviglioso sport che secondo me è troppo sottovalutato. Così riusciamo a dare una mano ai ragazzi del Rugby di Bassano e questo è molto importante”.

“Al termine del torneo faremo festa sia in caso di vittoria sia senza con i ragazzi e gli amici e Bassano Sport sarà il benvenuto – ci racconta sorridendo – aiutiamo questo sport a diventare più grande e speriamo nel bel tempo!”

Intervista a cura di Stefano Sartore