12 Banconi: Caffè dell’Oste: “Coppa Chiosco alla nostra portata, ma il vero obiettivo è un altro…”

0

Il Torneo dei 12 Banconi si fa sempre più vicino e oggi andiamo a conoscere meglio il Caffè dell’Oste il cui obiettivo, di sicuro spessore morale, rischia di sconvolgere gli equilibri dell’intera competizione. Il Caffè dell’Oste è un piccolo ed accogliente locale nel cuore di Bassano del Grappa, in via Gamba, diretto con estrema cura da Simone Montagner, “oste” (perchè così è) e presidente dell’omonima squadra che per il primo anno parteciperà al Torneo dei 12 banconi.

L’appuntamento è confermato rapidamente: una telefonata e in 5 minuti ci ritroviamo a parlare col titolare in questo tipico locale arredato artigianalmente e che, a detta di molti, propone le migliori bruschette di Bassano.

Nemmeno il tempo di presentarmi che.. “Pareciame do birrette subito!” (rivolto alla barista). Che accoglienza fantastica! Iniziamo subito dal chiedere a Simone…giocate per partecipare o anche per vincere?

S: ”E’la nostra prima partecipazione e puntiamo da subito a rubare le MILF..”

Come avete conosciuto il Torneo dei 12 banconi?

S: “Il 12 banconi è un torneo che conoscono tutti qua a Bassano, anche se io sono originario di Montebelluna. Abbiamo dei ragazzi che giocano con il Rugby Bassano che vengono qua e abbiamo deciso di fare la squadra. Poi anche con i colleghi degli altri locali ne abbiamo sempre parlato.”

A quali giocatori ti riferisci?

S: “Mais”

Mais?

S: “Si Mais… Maistrello… come faeo de nome Mais? No o so o go sempre ciamà Mais (sorride)”.

E con Mais avete dunque allestito una squadra?

S: “Esatto, una squadra mista.. circa 40 ragazzi e 20 ragazze, andiamo in prato per divertirci!”

Quindi il vostro obiettivo è..?

S: “La Coppa Chiosco! Ma non so se si può.. Ghe xea a coppa chiosco? (rivolgendosi alla barista, che poco o nulla sapeva del 12 banconi!). Beh diciamo allora che punteremo al “Fantabancone”.

Al Fantabancone? Ovvero?

S: “Diciamo..Istigazione all’alcolismo, ovviamente in maniera goliardica! (sorride). Ma se poe dire na roba così sul giornale? (sorride) Siamo di gran lunga la squadra più forte al banco, la più competitiva, ed è anche il nostro punto di forza.”

E il punto debole invece?

S: “El fià. Inteso come ugole. Abbiamo bisogno di idratare le corde vocali (sorride).”

Con che spirito scenderete in campo?

S: “Andremo in prato per fare due corse e per rubare le MILF alle altre squadre. Perchè noi del Caffè dell’Oste siamo giovani dentro, e in Italia le uniche a credere nei giovani sono le MILF!”

S: “Ma ste do bire rivee..??”

Concludiamo l’intervista così, con due (ottime) birre ed un grosso in bocca al lupo per la prima di tante bevute al #t12b.

Intervista by Stefano Sartore