Da Marostica ad un passo dal podio europeo! Alessandro Fabian è quarto a Lisbona

0

Splendido quarto posto per Alessandro Fabian ai campionati europei di triathlon disputatisi oggi a Lisbona. L’atleta azzurro, che si allena a Marostica sotto lo sguardo attento del ct azzurro Sergio Contin, marosticense doc, sebbene abbia impostato la propria preparazione quest’anno in funzione dei Giochi Olimpici di Rio (in programma ad Agosto), ha lottato anche quest’oggi sin dalle prime bracciate con alcuni dei più forti atleti al mondo.

“Sono arrivato distrutto – ha detto sorridendo un soddisfatto Fabian al termine della gara – ho dato veramente tutto. Sapevo di essere in crescita, così come so di non essere ancora al meglio e di avere ancora margini di miglioramento – continua Fabian –  ci tenevo a far bene in questa rassegna; i campionati Europei infatti mi hanno spesso regalato soddisfazioni. Per me, poi, era importante dimostrare che negli appuntamenti importanti ci sono sempre”.

La gara è stata dura sin dalla frazione di nuoto. Fabian ha fatto gara parallela in acqua con lo spagnolo Gomez. “Non mi sono risparmiato nemmeno in bicicletta – racconta ancora Fabian- eravamo un bel gruppetto, con tutti i migliori, ed abbiamo spinto forte”.

Partita la frazione di podismo, Fabian ha preso il suo ritmo, impostando la “solita” progressione. “Ho tenuto una velocità alta – conclude Fabian – e sono riuscito a cambiare il ritmo nella seconda metà di gara, fino ad arrivare a tirare una volata lunghissima. Siamo arrivati tutti molto vicini; oggi ho dato veramente tutto. Mi dispiace non aver centrato il podio e la medaglia europea (lo svizzero Salvisberg, 3° ha chiuso solo 5 secondi davanti a lui), ma oggi questo quarto mi dà più gioia che tristezza.  Ho ancora più la consapevolezza di essere sulla strada giusta;  è una giornata che mi ha dato molto morale in vista di Rio”.

La gara è stata vinta da Gomez, davanti a Dmitry Polyanskiy ed allo svizzero Salvisberg.

Si ringrazia per la collaborazione e per i contenuti l’ Ufficio Stampa di Alessandro Fabian.