Giovani vincenti in casa Hockey Bassano e Roller! E adesso si guarda al futuro!

0

Under 15 e under 20 su tutte, ma in generale è l’intero settore giovanile dell’ Hockey Bassano a conquistare successi e a mantenersi in testa alla classifica regionale. A dirlo non sono solo gli appassionati bassanesi, ma è una classifica ufficiale che assegna il titolo di miglior settore giovanile proprio al nostro club.

L’Hockey Bassano ha infatti vinto il trofeo Angelo Sinico con un totale di 138 punti nella graduatoria che somma i risultati delle varie “under”. Alle spalle del Bassano c’è l’Hockey Breganze con 128 punti seguito dai 126 del Valdagno e dai 119 del Thiene. Poi le due società di Trissino, il Roller Bassano al settimo posto con 86 punti e a seguire tutte le altre compagini della provincia. Un successo, una soddisfazione, che riporta l’hockey bassanese, in questo periodo con qualche grattacapo di troppo, alla sua vera essenza.

Un hockey, quello giocato dai bambini, genuino e vivo, divertente, spontaneo. Un hockey con la H maiuscola, giocato e vissuto con quell’entusiasmo che giova, tantissimo, a chiunque. In tempi non facili, l’auspicio di tutti noi di BassanoSport è che tutte le divergenze si possano appianare e che l’hockey pista a Bassano torni ad essere leader in Italia ma anche e soprattutto vissuto alla grande, con il sorriso!

A cominciare proprio dai risultati ottenuti dai giovani giallorossi e di quelli comunque positivi del Roller che possono dare la giusta direzione all’intero movimento. Sulla pagina Facebook del “Settore Giovanile Hockey Bassano” leggiamo e raccogliamo le dichiarazioni di Alberto Vidale, responsabile del settore giovanile bassanese, intervistato da Gianni Bordignon:

Allora, mister, ci puoi parlare della tua riconferma?

Certo, sono molto contento perchè finalmente ho la possibilità di preparare un progetto prima di agosto, quindi già da questo mese stiamo lavorando mettendo le fondamenta per l’anno prossimo. Stiamo già sondando il terreno per quanto riguarda gli allenatori delle varie categorie, stiamo formando le squadre e stiamo anche cercando di riformare un gruppo di dirigenti che effettivamente negli ultimi anni si era un po’perso.

Quindi per quanto riguarda gli allenatori, ci saranno novità?

Abbiamo riconfermato Laura, non ho dubbi su Mike, Giulia e Ivano. Stiamo avendo dei colloqui con altri allenatori dei quali pero’ non voglio fare nomi per rispetto nei confronti delle società per cui sono ancora tesserati.

Le finali giovanili sono alle porte, a quali risultati ti senti di puntare?

Quest’anno siamo arrivati alle finali nazionali con tutte le categorie. Abbiamo l’under 13 che ha faticato un po’durante il campionato, salvo poi entrare nelle condizioni migliori e la prospettiva e’ senz’altro quella di vincere la coppa Italia. Pero’si sa…quando sei alle finali ci sono anche gli avversari e fino a quando non batti l’ ultima squadra…non si vince. Sono comunque fiducioso di vederli arrivare fino alla fine di questo bel percorso.

L’under 15 e’arrivata prima in Veneto in campionato e dovrà cercare di confermare il valore anche a livello nazionale. Sarà dura, perchè le compagini toscane sono ben attrezzate e quindi vedremo cosa dirà il campo. Sono comunque fiducioso anche nei loro confronti.

L’under 17, e qui facciamo riferimento all’under del Roller perchè ha parte dei nostri atleti. Sono arrivati secondi in Veneto e quindi hanno sicuramente buone prospettive per poter vincere il proprio campionato. Per quando riguarda l’under 20, pur essendo molto giovani, i nostri ragazzi hanno ampiamente dimostrato di poter dire la propria alle finali di campionato. Sempre in under 20 l’altra squadra Hockey Bassano ma a targa Roller si è qualificata in coppa italia e qui le probabilità di salire sul podio sono forti.

Tra le cinque squadre di cui ci hai appena parlato, ne vedi una particolarmente attrezzata per poter arrivare alla vittoria finale?

La più accreditata per la vittoria finale e’sicuramente l’under 17, poi potrebbe essere una bella sorpresa pure l’under 20. L’under 15 e’cresciuta moltissimo durante la stagione tutto può succedere.

In prospettiva futura, vedi qualche giocatore da lanciare nell’orbita della prima squadra?

Ritengo che, da molti anni, abbiamo un parco giocatori molto importante in under 20 ai quali deve essere data la possibilità di misurarsi nei campionati maggiori. Quest’anno abbiamo provato qualche giocatore in A2. Hanno faticato parecchio, non per demerito loro, ma probabilmente per uno stato di confusione societaria che c’e’stata durante l’anno. Comunque sono atleti di prospettiva e, chi in A1 o in A2, nei prossimi anni saranno protagonisti dell’hockey del futuro prossimo.

E la collaborazione con Mister Marzella come procede?

Con Pino ci siamo trovati per gettare le basi tecniche ed iniziare una linea comune che parta dai piu’giovani fino ad arrivare alla prima squadra. Nei prossimi anni saranno create delle solide radici, in modo che i nostri giocatori arrivino già preparati alle soglie della prima squadra. Vorrei concludere dicendo che ho appena ricevuto la comunicazione che la nostra società, per quanto riguarda il settore giovanile, ha vinto il premio intitolato ad Angelo Sinico. E’un trofeo molto importante perchè prende in considerazione tutte le categorie. Vengono sommati i punti conquistati dai nostri ragazzi e decretata una classifica finale. Ecco, essere in testa a questa speciale graduatoria ci rende immensamente orgogliosi del lavoro svolto da tutto lo staff e dai ragazzi che sono scesi in pista. Abbiamo un settore giovanile sano, si sta lavorando bene. Questo non significa che sia un punto di arrivo, perchè dobbiamo e possiamo migliorare ancora, e lo dimostreremo già dalla prossima stagione.