Rappresentativa bassanese a Jesolo, Dal Monte a Coverciano, SPF alla finale playoff

0

Weekend ricco di appuntamenti e verdetti per il calcio bassanese. Sfuma la promozione diretta in seconda categoria per l’SPF sconfitto dal Giavenale che invece sale senza dover passare ai playoff. Per la società di Scaldaferro, Pozzoleone e Friola invece per poter gioire e conquistare la seconda categoria bisognerà battere la vincente della sfida tra Rozzampia e Santa Croce. In eccellenza si salva l’Euromarosticense che pareggia 1-1 contro il San Martino Speme mentre il Sandrigo retrocede.

Weekend importante anche per Alessandro Dal Monte; il preparatore atletico del Bassano Virtus ha infatti vinto il “Cronometro d’Oro” consegnatogli a Coverciano. Dal Monte, collaboratore del Bassano Virtus dal 2004 e preparatore atletico della prima squadra dal 2012, aveva sfiorato l’ambito riconoscimento anche lo scorso anno, classificandosi secondo. Quest’anno la soddisfazione del premio, frutto del lavoro di questi anni.

Queste le sue parole raccolte grazie alla collaborazione dell’ufficio stampa giallorosso: “Ringrazio la proprietà per avermi dato la possibilità di crescere nell’ambiente giallorosso, il Direttore e lo staff tecnico con i quali mi confronto ogni giorno e tutti i giocatori per la cultura del lavoro che hanno dimostrato in questi anni. Ringrazio inoltre mia moglie Francesca e i miei figli Cesare e Maria Vittoria per sostenermi ogni giorno. Sono davvero felice per questo riconoscimento in quanto viene assegnato dai colleghi delle altre squadre, ciò mi gratifica ulteriormente e mi sprona a dare sempre di più nel mio lavoro”.

Nel fine settimana a Jesolo la rappresentativa bassanese ha chiuso inoltre con una buona prestazione e una straordinaria esperienza dal punto di vista umano nel torneo organizzato nella città balneare. Per quanto riguarda l’aspetto agonistico la finalissima si è giocata tra Verona e Treviso con vittoria per 2-0 dei trevigiani mentre per la rappresentativa bassanese, archiviata l’esperienza sotto la guida di mister Parise e del suo staff, è ora tempo di tornare nei rispettivi club.