Chi sale e chi scende nel calcio bassanese? Lo scopriamo con i nostri TOP e FLOP

0

Come al solito riavvolgiamo il nastro del week-end calcistico e, ripercorrendo le partite salienti, decretiamo i nostri TOP e FLOP.

TOP:

-Nel derby salvezza di eccellenza, l’ Euromarosticense (in foto) ha la meglio sull’Azzurra Sandrigo che viene sconfitta per due a zero con le reti di Parise e Zanandrea. Oltre al danno la beffa, visto che la squadra di Belardinelli sorpassa gli avversari anche in classifica effettuando un allungo importante nella fuga dalla zona calda. Il campo è stato severo con i Sandricensi che hanno comunque espresso un buon gioco e fatto i conti con la sfortuna, vedendosi respingere un rigore e colpendo un legno. Va detto tuttavia che il filotto di risultati degli ultimi tempi è abbastanza scarso, dunque non sarà certo soltanto questa partita a pesare su eventuali epiloghi negativi della stagione.

– Ci ha preso gusto il Transvector, che sale anche questa settimana. Dopo l’uno a zero sul campo dell’Arsiè la vetta è ad un punto, visto il pareggio della capolista Mottinello. Decisiva la rete del fantasista Zalla, uomo in più per mister Morelli. A due partite dal termine, sulle ali dell’entusiasmo può succedere di tutto. Ci sarà da divertirsi.

FLOP:

-Scende il Mottinello, che nel momento cruciale della stagione riapre ulteriormente il campionato, inchiodandosi sullo zero a S.Anna. Oltre a far avvicinare pericolosamente il Transvector, la formazione di Favrin stenta anche nel gioco subendo più del dovuto. Il rischio è quello di un calo di tensione che a due giornate dalla fine non ci si può certo permettere. La vetta comunque è ancora del Mottinello.

-Passo falso del Cartigliano, fermato sul pari dalla Football Valbrenta. Il tesoretto accumulato negli ultimi mesi si è pian piano impoverito ed ora le lunghezze sul Summania, che sta letteralmente volando, sono soltanto quattro. Forse un po’ di senso di appagamento sta penalizzando Baggio e compagni. Basta una vittoria nelle prossime due partite e sarà Eccellenza. Siamo convinti che con questo presupposto il verdetto sarà uno solo, e potrebbe essere festeggiato settimana prossima tra le mura amiche.

Elia Lazzarotto