Paolo Ceccon punta a Rio 2016; test a Ivrea, poi le selezioni nazionali

0

E’tutto pronto a Ivrea, in Piemonte, per il primo fine settimana di gare internazionali per quanto riguarda la canoa slalom che nel mese successivo porterà gli atleti italiani a giocarsi la qualificazione alle olimpiadi di Rio de Janeiro 2016.

Tra questi, ci sarà anche Paolo Ceccon, canoista di Valstagna e specialista del settore C1 (canadese monoposto), chiamato a compiere ben due imprese. La prima sarà quella di qualificare il posto barca per i giochi olimpici di Rio in occasione dei prossimi campionati europei in programma a Liptovsky Mikulas, in Slovacchia, dal 13 al 15 maggio. La seconda sarà quella di imporsi sulle selezioni nazionali.

Perché oltre a lui, per l’unico posto a disposizione per l’Italia, saranno in gara anche il veronese Raffaello Ivaldi, il laziale Roberto Colazingari e il bolognese Stefano Cipressi, quest’ultimo già ai giochi olimpici di Londra 2012 e campione del mondo in precedenza a Praga. Non una sfida facile quindi per Paolo Ceccon che a Ivrea affinerà le unghie in vista delle selezioni e delle gare decisive. Dopo un’annata scorsa non al top, il pagaiatore valligiano è pronto a reagire e a tornare ai livelli a cui ci aveva abituato da tempo!

“Fisicamente sto bene – ci dice mentre è in viaggio verso Ivrea assieme ai compagni del CCK Valstagna – anche perché mi sono allenato tutto l’inverno proprio per questo appuntamento selettivo. L’obiettivo è chiaramente quello di entrare in squadra per andare agli europei di Liptovsky e lì, una volta conquistata la maglia azzurra, giocarmi il tutto per tutto nelle selezioni che portano a Rio. Io ci proverò a qualificarmi, poi bisogna vedere anche gli altri che cosa faranno ma il fatto che ci sia ampia concorrenza rende la cosa più difficile, e al tempo stesso più divertente”.

Valstagna e il bassanese vantano grandi tradizioni olimpiche nella canoa a cinque cerchi con la vittoria a Barcellona 92 e il bronzo a Sydney 2000 di Pierpaolo Ferrazzi. Oltre a lui tanti grandi campioni; l’auspicio è che Paolo Ceccon possa essere il nome nuovo della canoa valligiana da sfoderare nei prossimi appuntamenti olimpici. Buone selezioni!