Italia ko con l’Ungheria al mondiale di hockey ghiaccio

0

Festeggia l’Ungheria in questa quarta giornata del Campionato Mondiale Senior Femminile, forte della promozione già matematicamente conquistata. Nulla da fare per l’Italia che cede per 4-2 alle agguerrite avversarie. Vanno poi a punti il Kazakistan, che strapazza l’Olanda per 3-6 e si porta a quota sei punti in classifica, e la Lettonia, che batte la Nazionale cinese per 1-3 e vola al secondo posto della graduatoria generale a nove punti, conquistando con certezza la medaglia d’argento.

QUI ITALIA. L’Italia scende sul ghiaccio con Pompanin in porta al posto di Klotz. Le azzurre fin dai primi scambi appaiono agguerrite, tirano in porta ma non riescono a far fruttare il power play. La difesa delle italiane è ottima, ma al 18’14’’ le ungheresi trovano una falla e segnano la prima rete con Pinter seguita, dieci secondi dopo, dalla seconda con Dabasi: 2-0. All’inizio del secondo periodo, all’1’25’’, Stocker finisce in panca puniti per gancio con bastone e il team di Marton non si lascia sfuggire la ghiotta occasione trovando la terza rete al 2’28’’ con Nemeth. L’Italia appare frastornata, come se avesse preso tre schiaffi, e questo alle olandesi non sfugge tanto che al 13’33’’ Bernadett Horvath va a segno; ct Liberatore cambia Pompanin con Klotz. Carignano fa esultare i tifosi azzurri all’Odegar con la prima rete al 14’46’’. Parte bene l’Italia nel terzo periodo e trova il gol con De la Forest al 7’42’’: 4-2. Stocker e Larger finiscono in panca puniti, ma le azzurre resistono. De la Forest sbaglia un gol al 18’, ma i giochi sono conclusi. Premiate come best player De la Forest (Italia) e Aniko Nemeth (Ungheria). “Meglio giocar male e vincere che giocar bene e perdere – sono le prime parole di coach Marco Liberatore -. Abbiamo espresso un gioco impeccabile per quasi tutto il primo parziale e alla fine abbiamo preso due gol negli ultimi due minuti che ci hanno rovinato la gara. Facciamo errori come tutti i team, ma noi li paghiamo sempre carissimi. non dico tanto, ma un briciolo di fortuna spetterebbe anche a noi…Adesso il primo pensiero è la salvezza, ma c’è ancora la possibilità di arrivare a medaglia. Dobbiamo crederci”.

LE ALTRE GARE. Grande prova del Kazakistan che batte per 3-6 la Nazionale olandese. Al 6’36’’ sono le kazake a sbloccare la situazione con Ryspek, ma l’Olanda non resta a guardare e ingrana la quarta fino a trovare il pareggio con Haverkorn Van Rijsewijk al 9’11’’: 1-1. Nel secondo periodo doppietta di Ryspek che concretizza con un’ottima azione al 4’47’’. Al 19’14’’ Hamers trova uno spiraglio nella porta ben difesa da Van Leeuwen e riapre di nuovo i giochi con un pareggio: 2-2. Al rientro sul ghiaccio è “Kazakistan power” con il team del ct Maltsev che trova il successo a suon di reti: al 57’’, al 6’12’’ e al 19’45’’ (a porta vuota) con Fux e al 3’17’’ con Moldabai. Acuto dell’olandese Wielenga al 18’18’’. Premiate come best player Tegelaar (Olanda) e Nurgalieva (Kazakistan). Nella seconda partita della giornata sono le lettoni ad avere la meglio per 1-3 sulle cinesi al termine di una gara che si scalda solamente nel terzo periodo. Il match inizia con la Lettonia che si porta avanti al 4’50’’ con Kublina; il periodo prosegue senza particolari azioni degne di nota e penalità. Nel secondo tempo la Cina trova il pareggio al 18’27’’ con Kong al termine di una bella azione in contropiede: 1-1. Brave le cinesi, pronte a sfruttare le occasioni e a mettere in difficoltà le lettoni con la velocità. Verso la metà del terzo periodo la Lettonia trova la traversa della porta di Wang, replica Zhang, ma senza riuscire a concretizzare. Alla fine, al termine di un’azione combattuta, sblocca la situazione Petersone che al 17’01’’ regala tre punti d’oro alla Lettonia. La Cina gioca senza portiere nell’ultimo minuto di gioco e sfiora per due volte il pareggio, poi il disco entra senza che le atlete orientali possano impedirlo: Miljone al 19’46’’. Premiate come best player Zhixin Liu (Cina) e Kublina (Lettonia).

INFO. Domani day off, si riprende domenica con la giornata conclusiva che prevede: ore 13.30 Cina-Ungheria, ore 17.00 Lettonia-Olanda, ore 20.30 Italia-Kazakistan. Tutte le partite del Mondiale hanno ingresso gratuito. È possibile seguire gli sviluppi e i risultati in tempo reale sulla pagina Facebook dedicata “IIHF World Championship Asiago” e sugli account Twitter e Instagram “Asiago 2016”. Questo è il sito internet ufficiale: www.hcasiagojunior.it/asiago2016.

UNGHERIA 4

ITALIA 2

Ungheria: A. Nemeth A.(Poltzer); Toth, Medgyes, B. Nemeth, Odnoga, Mayer, Holzer, Trencsenyi, Grkovic; H. Pinter, Kiss, L. Pinter, Horvath, Dabasi, Z. Jokai-Szilagyi, K. Jokai-Szilagyi, Brgles, Somogyi, Ronai, Ungar, Gottlibet. All. Marton

Italia: Pompanin (Klotz); Mattivi, Ricca, Saletta, Ballardini, Zaccherini, Furlani, Bettarini, de la Forest de Divonne, Muraro, Larger, Battisti, Galtieri, Orlandini, Carignano, Stocker, Campo Bagatin, Dalpra, Zandegiacomo Mistrotofolo, Elliscasis, Gius. All. Marco Liberatore

Arbitri: Senuk (Can), Kudelova (Svk) e Strohmenger (Ger)

Reti: pt 18’14” L. Pinter (U) 18’24” Dabasi (U); st 2’28” B. Nemeth (U) 13’33” Horvath (U) 14’46” Carignano (I); tt 7’42” de la Forest (I)

LE GARE DI OGGI

ore 13.30 Olanda-Kazakistan 3-6 (1-1, 1-1, 1-4)

ore 17.00 Cina-Lettonia 1-3 (0-1, 1-0, 0-2)

ore 20.30 Ungheria-Italia 4-2 (2-0, 2-1, 0-1)

SABATO 9 APRILE 2016: Giornata di riposo

LA CLASSIFICA: Ungheria 12 punti; Lettonia 9 punti; Kazakistan 6 punti; Italia 4 punti; Cina 3 punti; Olanda 2 punti.

Foto ROBERTA STRAZZABOSCO e PAOLO BASSO