Al Mercante arriva il Lumezzane. Ecco l’avversario del Bassano Virtus ai raggi X

0

Proietti ha definito quella con la Pro-Piacenza una giornata no; contro il Lumezzane oggi al Mercante alle 17.30 servirà allora una vittoria perché il passo falso contro i piacentini rimanga tale e non vada ad alimentare i dubbi sul rendimento dei giallorossi. Sulla strada verso i play-off c’è quindi il Lumezzane, che arriva da sei risultati utili consecutivi, intervallati soltanto dalla sconfitta col Cittadella. Ecco, secondo la nostra redazione, punti forza e punti deboli degli avversari di oggi del Bassano Virtus:

Uno dei pericoli porta sicuramente il nome di Manuel Sarao, capocannoniere dei bresciani con nove reti. Punta centrale, 192 centimetri di altezza per 86 kg. Il classico ariete che in area si fa rispettare eccome, un po’ alla Luca Toni o alla Mandzukic per capirci.

L’altro da tenere d’occhio è un carioca, parliamo infatti del brasiliano Sèrgio Cruz. Per lui soltanto cinque gol in questa stagione ma con la fantasia al potere. Stesso ruolo di Sarao ma quando i piedi parlano verdeoro è l’imprevedibilità a far da padrona. Da vedere se le due punte partiranno assieme dal primo minuto, fosse così si creerebbe un mix alquanto pericoloso.

L’elemento d’esperienza invece è Gael Genevier. Francese dai polmoni d’acciaio, classe 1982 con tanta esperienza in cadetteria e con otto presenze in seria A tra Perugia (dove ha vinto un intertoto) e Siena. L’uomo d’ordine che in qualsiasi squadra non può mancare.

A poter penalizzare il Lumezzane non è tanto la giovane età media della squadra, ma l’assenza di un uomo simbolo per reparto. L’unico che si possa definire tale è Genevier appunto. Gente come lui sposta gli equilibri ma da solo non può far miracoli.

Elia Lazzarotto