Rugby Bassano verso Gussago, dando un’occhiata alla “Haka milanista” fuori luogo!

0

Ha sollevato non poche polemiche, e in tutto il mondo, la Haka messa in campo ieri sera poco prima di Milan-Carpi da un gruppo di “figuranti” in maglia rossonera (non erano i giocatori). Per chi di rugby se ne intende, o anche semplicemente per chi comprende ciò che la Haka significa per gli All Blacks, quella di ieri è una trovata tutt’altro che rispettabile.

Per tutti coloro che avessero ancora qualche dubbio, vi invitiamo a guardare il video sottostante in cui, in 8.35 secondi, la Nuova Zelanda ricorda uno dei più grandi giocatori di rugby del mondo, se non forse il più grande: Jonah Lomu. A lui l’intera Nuova Zelanda ha dedicato una Haka da brividi. Concetto di Haka che non deve essere certamente spiegato a chi il rugby lo vede, lo conosce e lo gioca. Come gli atleti del Rugby Bassano 1976 che stanno preparando in settimana la sfida che li porterà a sfidare, domenica 24 aprile, il Gussago Rugby. Secondi in classifica a 28 punti, due in meno della capolista Rovato, i giallorossi di coach Andrea Segafredo non hanno alcuna intenzione di fermarsi e dopo aver battuto, con un po’di sofferenza Mantova, contano di fare bottino pieno anche in trasferta.

Proprio con coach Segafredo abbiamo analizzato nella nostra intervista video la sfida vinta in casa preparando ora il gruppo all’importante trasferta in quel di Gussago. Gussago che in classifica è terzo, ma ad appena 19 punti. Non una buona ragione comunque per prendere il match alla leggera. Occhio a non sbagliare!