Presentati a Venezia i mondiali di hockey inline, da giugno a Roana e Asiago

0

Sono stati presentati a Palazzo Balbi a Venezia i Mondiali di Hockey Inline giunti alla ventiduesima edizione; l’evento si terrà ad Asiago e Roana dal 12 al 25 giugno 2016. Numeri già da record per questo torneo: 73 le squadre iscritte in rappresentanza di 31 Nazioni.

A fare gli onori di casa in conferenza stampa, è stato l’Assessore allo Sport della Regione Veneto, Cristiano Corazzari: “Porto i saluti del Presidente della Regione, Luca Zaia, che è molto entusiasta della disputa di questa manifestazione in Veneto e sul fatto che l’Altopiano di Asiago ospiti un evento di questa caratura. L’Hockey Inline è protagonista nella nostra regione: uno sport che riscuote sempre maggiore successo da parte del pubblico e degli sportivi. Un sincero augurio agli atleti coinvolti. Un evento di questo tipo comporterà anche un indotto economico e di promozione turistica del territorio”. E proprio l’Assessore, chiudendo  il discorso, ha scoperto il logo ufficiale del Mondiale presentato per la prima volta al pubblico.

Sabatino Aracu, Presidente della FIHP e della FIRS: “Porteremo in Veneto 73 squadre, con 1500 atleti che saranno complessivamente presenti sull’Altopiano. Il nostro movimento rappresenta tutte le rotelle con 9 discipline, qui siamo per l’hockey inline. Questo Campionato del Mondo doveva svolgersi a Dubai, ma poi hanno rinunciato. Abbiamo pensato di portarlo in Italia e poi non abbiamo avuto dubbi ad assegnarlo alla Regione Veneto, territorio di persone serie e affidabili. Grazie anche a Portier che per anni si è interessato a questa disciplina con una passione unica. Abbiamo un contratto con Rai per mandare in prima serata le partite della Nazionale senior maschile.”

“Nel 1995 c’erano solo 12 team adesso ce ne sono 73 per questo voglio ringraziare tutte le persone qui presenti per portare avanti questo Campionato del Mondo – sono le parole di Gilbert Portier, presidente CIRILH -. Vorrei ringraziare i volontari che lavoreranno durante i campionati sulle due piste di Asiago e Roana”. Angelo Roffo, Presidente del Comitato Organizzatore: “73 squadre sono un record assoluto di sempre e questo e già motivo di grande orgoglio. Asiago e Roana diventano protagonisti mondiali e riportiamo in Italia questo torneo dopo le ultime edizioni di Los Angeles, Tolosa e Rosario. Dopo l’orgoglio inizia il lavoro, ma lo staff è giovane e pieno di entusiasmo per far sì che questa manifestazione abbia il rilievo che si merita. Ci anima la passione per questo sport, io stesso sono stato allenatore e arrivo da una famiglia di hockeisti. Anche se questa volta non sarò seduto sulla panca, sarà comunque emozionante. Anche alcuni membri dell’Apam Maser saranno presenti per collaborare al Mondiale in attesa di avere poi i Campionati Italiani di pattinaggio a Roana”.

“Vicenza, dall’Altopiano al Basso Vicentino, è una sorta di capitale italiana dell’hockey in tutte le sue forme – sono le parole di Achille Variati, Presidente della Provincia di Vicenza – Nell’inline, ancor di più, abbiamo fatto e scritto la storia, se è vero che dal 2004 al 2010 sono stati sette gli scudetti consecutivi conquistati dagli Asiago Vipers. Ed altrettanti quelli portati a casa dai giovani inliners asiaghesi cui va aggiunto il tricolore dei Diavoli Vicenza. La decisione di affidare la realizzazione di un Mondiale è un grandissimo riconoscimento alle capacità del territorio, dobbiamo essere capaci di fare marketing e dimostrare che la nostra montagna, ma anche la nostra collina e la nostra pianura, sono ricche di fascino, di bellezza e di opportunità turistiche”.

Infine la parola è passata a chi vivrà questo Mondiale direttamente dalla pista. “Siamo seguendo un importante programma di allenamento in ottica di avvicinamento al Mondiale – spiega il ct della Nazionale maschile Cristian Rela, accompagnato dal portabandiera azzurro Tobia Vendrame -. Obiettivo: dare il massimo e onorare la maglia azzurra”. Dello stesso avviso anche Teresa Turillo, coach della Nazionale Femminile a Venezia assieme all’azzurrina Fabiola Berardi: “Per la prima volta anche le atlete della Nazionale junior affronteranno un Mondiale; c’è euforia e voglia di fare bene, vogliamo lottare per arrivare in alto”.

Per tutte le info: www.ihwc2016.com