Beatrice Fiorese, quando lo sport che vince è donna

0

BASSANO SPORT AUGURA BUON 8 MARZO A TUTTE LE DONNE CHE AMANO LO SPORT

Festeggiare le donne un solo giorno potrebbe sembrare effettivamente riduttivo in un paese come il nostro, l’Italia, in cui, se parliamo di sport, sono proprio le donne a salire sempre più spesso agli onori delle cronache. Ma oggi è l’8 marzo e allora anche per Bassano Sport diventa d’obbligo celebrare le tante figure femminili che portano alto i colori giallorossi in Italia e nel mondo.

Pensiamo ai recenti successi della tennista Angelica Moratelli o alle tantissime medaglie internazionali conquistate dalle pattinatrici della Bassano New Skate. Pensiamo ad una campionessa come Jenny Laverda, alle ginnaste della Junior 2000 o alle migliaia di ragazzine della pallavolo. Senza contare quante affrontano discipline considerate cose “da uomini”, come le ragazze del Calcio Femminile Bassano, o “Checca” Pan che la palla a spicchi ce l’ha nel dna. E poi tutte quelle donne che nello sport lavorano dietro le quinte: segretarie, medici, dirigenti e quelle che non hanno ambizioni di  finire in copertina, ma praticano lo sport sempre con passione, sfidando la fatica e le avversarie che di volta in volta il cammino sportivo pone loro di fronte.

Ma raccontare le “imprese” di tutte le sportive giallorosse sarebbe cosa impossibile. Simbolicamente lo facciamo raccontandovi le gesta di chi ha, ancora giovanissima, ha già vinto tantissimo ed è considerata una delle promesse di quella disciplina che viene indicata come la “regina” degli sport: l’atletica leggera. Parliamo di Beatrice Fiorese, 19 anni compiuti il mese scorso, cresciuta nell’ Atletica Marconi Cassola e oggi in forza all’Atletica vicentina.

Per lei tanti titoli italiani di categoria, nelle prove multiple e nel salto in lungo, la sua specialità preferita, cui affianca prestazioni importanti anche nella velocità. Argento nel 2014 alle Olimpiadi giovanili di Nanchino (Cina) , solo nel 2015 ha vinto il titolo italiano outdoor di salto in lungo e l’argento ai tricolori di prove multiple Indoor. Con il suo personale di 6.32 ottiene il pass agli europei in Svezia dove arriva sesta . Quest’anno ha iniziato le gare a gennaio vincendo subito il titolo di campionessa italiana Indoor under 20 (con il personale Indoor di 6.18). Nelle scorse settimane ha preso parte al triangolare Italia – Francia – Germania, organizzato a Padova .Ora, chiusa la stagione indoor, Beatrice sta cominciando a lavorare in vista di quella all’aperto e a luglio dovrebbe gareggiare al mondiale under 20 in Polonia.

Insomma, un perfetto esempio di sport vincente al femminile. E poi che dire, Beatrice è anche una bellissima ragazza. Impossibile non dedicare a lei la nostra copertina dell’8 marzo.