Asiago vittorioso in Piemonte. Giovedì all’Odegar primo “match point” dei quarti di finale

0

L’Asiago Hockey di coach Lefebvre espugna il “Cotta Morandini” di Torre Pellice portandosi sul 3-1 nella serie dei quarti di finale contro il Valpellice e vincendo la sfida di stasera grazie ai goal di Bentivoglio, Luciani e Ulmer; sono loro gli autori del 3-1 finale con il quale l’Asiago, inizialmente in svantaggio ad opera di Schina, si prepara ora alla sfida di giovedì quando all’Odegar andrà in scena il primo “match point” dei quarti per Benetti e compagni.

Tra i giallorossi mancano Ambrosi e Strazzabosco oltre ai due goalie infortunati Carrozzi e Tura. Lefebvre schiera quindi tra i pali Davide Mantovani e come backup da spazio al giovanissimo Luca Stevan, portiere dell’under 20 giallorossa aggregato alla prima squadra.

Inizia bene la Valpe con Caletti che davanti a Mantovani si fa anticipare dalla difesa asiaghese; poi inferiorità numerica per i Leoni che soffrono, Della Rovere va vicino al goal, i padroni di casa insistono nei primi dodici minuti ma l’Asiago non si fa sorprendere con il goalie dei Leoni sempre attento e abile a fermare Canzanello e Petrov su tutti. L’Asiago prova a reagire e Iori è il più pericoloso a sei minuti dal riposo costringendo Conway all’intervento; subito dopo è invece Nigro, in collaborazione con Zanette, a tentare in inferiorità numerica il contropiede letale sul quale però è ancora attento il portiere di casa. Tocca subito dopo a Mantovani rispondere presente agli attacchi della Valpe targati Canzanello, Miglioranzi e Marchetti dall’altra parte tengono invece impegnato Conway, ultime emozioni di un primo tempo che si chiude sullo zero a zero, con un Asiago che pur soffrendo riesce a tener testa a ben tre situazioni di inferiorità numerica e che ripartirà nel secondo periodo con quasi due minuti di powerplay per la penalità inflitta sul finale a Petrov.

Nigro e Bentivoglio provano subito ad insidiare Conway nei primi secondi di superiorità, poi si rendono pericolosi anche Lutz e Magnabosco ma il risultato non si sblocca. Esaurita l’inferiorità, il Valpellice ci ricasca e Mondon Marin si fa cacciare nuovamente in panca puniti per una carica davanti a Mantovani. L’Asiago manovra con Ulmer e va vicinissimo al goal su contropiede con Nigro che da ottima posizione però non riesce a segnare. Al giro di boa Miglioranzi dalla blu impegna Conway con Zanette sul rebound che va nuovamente a sfiorare la rete del vantaggio; Benetti manca il bersaglio poco dopo, Nicolao permette alla Valpe di rialzare la testa ma la chiusura di Dan Sullivan è punita con due minuti di penalità per gioco duro. In superiorità Canzanello ci prova due volte ma Mantovani risponde bene; nulla può però il goalie giallorosso poco dopo sul siluro di Schina che mira all’incrocio e porta in vantaggio i padroni di casa al minuto 15.07. La reazione dell’Asiago è però immediata, veemente e furiosa; sessanta secondi dopo è Bentivoglio a trovare il pareggio, tempo di rimettere il disco al centro e la triangolazione tra Nigro e Luciani stravolge completamente la partita con i giallorossi che passano addirittura in vantaggio grazie al numero #13 che batte Conway e sigla il 2-1 giallorosso, risultato sul quale si chiude la seconda frazione.

Dopo 41 secondi dall’inizio del terzo periodo Bentivoglio entra direttamente dalla panca puniti e viene servito da Luciani. La retroguardia piemontese lo atterra ma il successivo rigore concesso non è sfruttato dal #19 giallorosso; Colavecchia prova a rimettere in partita i suoi ma Mantovani al quarto minuto è attento e para. La Valpe insiste nel tentativo di ritrovare il pareggio ma al minuto 7.54 è l’Asiago a trovare il 3-1 grazie a Mike Sullivan che assiste Daniel Sullivan il cui tiro, imparabile, è deviato peraltro all’ultimo da Ulmer senza lasciare scampo a Conway. Al Cotta Morandini cala il silenzio, Luciani spinge e impegna nuovamente il goalie piemontese, Canzanello è uno dei pochi che davanti a Mantovani prova a non arrendersi ma su di lui la chiusura della difesa giallorossa è repentina. Con il passare dei minuti i padroni di casa arretrano sempre più e per l’Asiago si concretizza la terza vittoria della serie; il risultato potrebbe essere ancor più rotondo con Zanette e Ulmer che sbagliano a porta vuota, con Barrasso che toglie Conway per un ultimo disperato tentativo che si rivela però inefficace.

Asiago batte Valpellice 3-1 portandosi sul 3-1 nella serie; giovedì all’Odegar, a partire dalle 20.30, si giocherà gara 5 ovvero il primo match point di questo quarto di finale per gli uomini di Lefebve. Vincere significherebbe eliminare i piemontesi e volare in semifinale, occasione da sfruttare al meglio, provando a regalare una nuova gioia al pubblico di casa.

Valpellice-Asiago Hockey 1-3 (0-0, 1-2, 0-1)

Tabellino: 35.07 (V) 1-0 Schina (Pozzi, Silva); 36.15 (A) 1-1 Bentivoglio; 36.51 (A) 1-2 Luciani (Nigro, Zanette); 47.54 (A) 1-3 Ulmer (D. Sullivan, M. Sullivan).

Formazione Valpellice: Conway (Armand Pilon); Pozzi, Canale, Nicolao, Petrov, Olivero, Caletti, Ilic, Della Rovere, Schina, Canzanello, Signoretti, Cordin, De Biasio, Mondon Marin, Silva, Durand Varese, Colavecchia. All. Barrasso

Formazione Asiago Hockey: Mantovani (Stevan); Meneghini, M. Sullivan, D. Sullivan, N. Tessari, Presti, Luciani, M. Tessari, Miglioranzi, Stevan, Casetti, Ulmer, Bentivoglio, Nigro, Marchetti, Lutz, Benetti, Iori, Pace, Zanette, Magnabosco. All. Lefebvre