La Feralpisalò non perdona: espugnato anche il Mercante

0

CON LA VITTORIA PER 2-1 I BRESCIANI SCAVALCANO I GIALLORSSI IN CLASSIFICA

Immeritata. Non ci sono altre espressioni per definire la sconfitta per 2-1 dei giallorossi di Sottili per mano della Feralpisalò. Non che i bresciani non abbiamo messo in mostra bel gioco, ma in quella che forse è stata la sfida più bella vista finora in via Piave, il Bassano non meritava certo di perdere. Anzi.

Dopo un primo tempo equilibrato, con un gol e un legno per parte, nella seconda frazione di gioco Iocolano e compagni hanno creato molte più azioni-gol del loro avversario di giornata. Ma si sa (e lo ha ricordato anche ieri in conferenza per partita, mister Sottii),il calcio è un “giochino” in cui vince chi segna di più. E allora ecco che anche oggi i virtissini hanno pagato l’unico vero problema di questo gruppo: la concretezza.

Il gioco c’è, lo spettacolo pure, le azioni arrivano, ma le reti scarseggiano. Trovare una soluzione, a questo punto, diventa necessario.

Bassano Virtus: Rossi; Toninelli, Stevanin, Davì, Bizzotto; Barison, Falzerano; Proietti; Fabbro, Misuraca, Iocolano. All. Sottili
Feralpisalò: Caglioni; Tantardini, Allievi, Settembrini, Leonarduzzi; Fabris, Maracchi, Guerra; Bracaletti, Tortori. All. Diana
Arbitro: Mancini Emanuele (Fermo)
Reti: Primo Tempo: 22’ Guerra (F), 34’ Fabbro (B). Secondo Tempo:32′ Tartardini (F)
Spettatori: 900

La Cronaca.
Il Mercante trema già al 2’ quando Tortori, entra in area, con una finta spiazza la difesa giallorossa e spara il tiro, che sulla respinta di Rossi finisce sul palo, prima che il numero 1 bassanese ritrovi la posizione e bracchi definitivamente la palla. Sul cambio di fronte la prima occasione virtussina con Proietti dal limite, ma la palla finisce tra le braccia di Caglioni. Un minuto dopo è ancora Proietti a lanciare Fabbro ma è bravo l’estremo bresciano a chiudere lo specchio della porta.
L’occasione più ghiotta all’8’ quando Fabbro allarga per l’inserimento di Falzerano: botta di potenza, Caglioni può solo sfiorara la palla che centra in pieno la traversa interna.
Il risultato si sblocca al 22′: lancio in profondità per Guerra che, tra le maglie allargate
difesa giallorossa, trova il diagonale vincente dalla sinistra.
Sette minuti dopo gli ospiti proteste dagli spalti per un fuorigioco di Maracchi, non ravvisato da Mancini, ma Rossi è bravo ad anticipare tutti in uscita.
Il gol del pari arriva al 34’: Falzerano scende sulla destra e mette in mezzo, sulla palla s’avventa Fabbro che non perdona Caglioni. Prima del riposo c’è tempo per un’altra azione pericolosa di Guerra che solo in area non riesce a deviare di testa una palla pericolosa.
Al rientro dagli spogliatoi, Sottili sostituisce Toninelli (24 anni oggi per lui) con Semenzato. Basta un’azione alla Feralpi per essere già pericolosa: Maracchi entra in area dalla sinistra e serve Tortori steso da Semenzato, ma per l’arbitro non è rigore.
Al 5’ l’azione che vale il prezzo del biglietto: Iocolano, defilatissimo, calcia di esterno una palla che colpisce in pieno la traversa
La partita è un continuo cambio di fronte. Le azioni più pericolose, quelle di marca giallorossa: come al 22’ quando il capitani serve Falzerano che a due metri dalla porta spara alto sopra la traversa. Al 28’ una punzione dal limite di Iocolano impegna Caglioni.
I padroni di casa spingono e proprio sembrano guadagnare metri di campo decisivi vengono puniti al 32’ da Tartardini mischia in area, la palla rimbalza sul palo ed è bravo il difensore bresciano ad avventarsi sul pallone ed insaccare alle spalle di Rossi.
Esce Davì entra Pietribiasi e fino alla fine è un arrembaggio giallorosso, inutile però ad evitare ai bassanesi una sconfitta assolutamente immeritata.