Enrico Fabris nella Walk of Fame del Coni

0

SODDISFAZIONE A ROMA PER IL PATTINATORE DI ROANA

Enrico Fabris entra nella Walk of Fame del CONI. Il pattinatore di Roana, straordinario campione ai giochi olimpici invernali di Torino 2006 e oggi membro dello staff tecnico della nazionale italiana di pattinaggio di velocità, è entrato nella Walk of Fame CONI, più di 100 nomi incastonati in mattonelle celebrative dedicate, un pavimento lastricato di “stelle” che da Viale delle Olimpiadi arriva fino allo Stadio Olimpico a Roma, un museo da vedere camminando, tutto d’un fiato. Si ricordano trionfi indimenticabili, personaggi invincibili, emozioni indelebili: i miti che hanno scritto una storia speciale e bellissima, dando lustro al Paese, a quell’Italia che fa rima con eccellenza.

Fabris è in ottima compagnia; accanto a lui infatti, figurano nomi di numerosi “mostri sacri” dello sport italiano tra i quali Jury Chechi, Roberto Baggio, Antonio Rossi, Carmine e Giuseppe Abbagnale, Alberto Tomba, Pietro Mennea, Dino Zoff, Deborah Compagnoni e tanti altri. Fabris quindi, da Roana, sorride e ringrazia (in foto assieme al Presidente CONI e al Presidente FISG Gios – foto FISG) e continua a lavorare per far si che gli azzurri del pattinaggio di velocità arrivino a ripetere le sue gesta.

Da Wikipedia, ecco la sua carriera:

Specialista del pattinaggio di velocità su ghiaccio, è stato il vincitore della prima medaglia olimpica italiana nella storia di questo sport.

Atleta roanese della contrada Toccoli che inizia a pattinare fin dalla giovane età. A soli 6 anni, nel 1987 entra nelle file della locale società di pattinaggio, la Sportivi Ghiaccio Roana nella categoria Propaganda. Iniziato sportivamente dal padre e primo allenatore Valerio Fabris, viene poi cresciuto nella pista naturale di Busa Fonda a Gallio (VI) dall’allenatore Forestale Alessandro De Taddei che ne ha curato particolarmente la tecnica.

Plurivincitore del campionato regionale del Veneto, già nel 1989 conquista il 1º posto nello Sprint Nazionale. Ha partecipato per la prima volta ai giochi olimpici di Salt Lake City 2002, ottenendo un 16° piazzamento sui 5000m e un 26º posto sui 1500m. È stato anche il primo italiano a vincere un titolo europeo di pattinaggio di velocità su pista lunga all-round, vittoria ottenuta nel gennaio 2006.

È considerato il miglior pattinatore italiano in circolazione. Tesserato alla Sportivi Ghiaccio Roana per ben 16 anni, è poi passato al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro. Ha vinto la medaglia di bronzo nei 5000 m, la medaglia d’oro nei 1500 m e nell’inseguimento a squadre (insieme a Matteo Anesi, Ippolito Sanfratello e Stefano Donagrandi) aiGiochi Olimpici di Torino 2006. Inoltre è stato nominato Commendatore al merito della Repubblica Italiana il 22 marzo 2006 dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Attualmente, detiene i record italiani di 1000, 1500, 3000, 5000 e 10000 metri. È stato detentore anche del record mondiale dei 5000 m (risultato poi migliorato dall'”Olandese Volante” Sven Kramer).

Il 13 gennaio 2008 ha conquistato il bronzo ai Campionati Europei All Around di Kolomna (Russia).

Il 21 novembre 2011 annuncia il ritiro dal pattinaggio agonistico, a causa dei numerosi problemi fisici.