Asiago ad un passo dal colpaccio. A Vipiteno i padroni di casa vincono all’overtime

0

IL GOL DECISIVO A 15 SECONDI DALLA FINE

(Comunicato Ufficiale Asiago Hockey) – Si infrange a quindici secondi dalla fine dell’overtime la vittoria dell’Asiago sul ghiaccio di Vipiteno in una sfida combattuta fino all’ultimo respiro e con due squadre capaci di produrre un match spettacolare e ricco di azioni pericolose.

Primi dieci minuti di marca Broncos con l’Asiago che tuttavia non rischia più di tanto arginando sul nascere gli attacchi avversari. Il Vipiteno ci prova più volte dalla destra con Hugesman ma Davide Mantovani, stasera goalie titolare, fa buona guardia. Per passare in vantaggio i padroni di casa sfruttano la prima occasione di superiorità numerica che arriva al minuto 10.42. Con Nigro in panca puniti l’arrembaggio Broncos è asfissiante, Mantovani respinge uno slap dalla blu ma Mair da distanza ravvicinata ribadisce in rete per il momentaneo 1-0. Al quarto d’ora l’Asiago va sul pari ma l’arbitro annulla (probabilmente per uomo in area). È comunque il preludio all’uno-due giallorosso. Al minuto 14.58 Demetz esce a metà strada tra porta e linea blu per anticipare Bentivoglio lanciato a rete ma la respinta del goalie degli stalloni è diretta alla stecca di Ulmer. Il numero 18 dalla blu prende la mira e non si fa pregare, bucando senza appello l’estremo avversario per il goal del pari. Al minuto 17.12 l’Asiago mette la freccia e sorpassa grazie a Lutz che deposita un rasoghiaccio ravvicinato alle spalle di Demetz per il 2-1 con la collaborazione di Mike Sullivan e Bentivoglio. Pochi secondi più tardi é Nigro ad avere sulla stecca il puck del 3-1 ma il suo tiro trova l’ottima risposta del goalie di casa che abbassa la serranda e dice di no.

La ripresa si apre con una nuova penalità per l’Asiago che mette in luce tre buone parate di Mantovani e un’ottima discesa sulla destra di Bentivoglio, in ritardo solo ad un passo dal tiro. Al minuto 3.59 discesa perentoria ancora di Bentivoglio il cui assist corto da sinistra a destra trova Lutz alla conclusione; Demetz però è attento e para. Un giro d’orologio più tardi è ancora il numero 24 ad avere l’occasione buona ma stavolta è Mair in ripiegamento difensivo a dire di no e deviare. Anche il Vipiteno ci prova con Hannes Stofner che riceve un preciso assist all’altezza della blu ma pressato dalla difesa giallorossa perde l’attimo e scivola davanti a Mantovani; il suo tiro non fa paura e il risultato non cambia. Walters imita il compagno ma il pareggio è nell’aria e arriva con le due squadre in quattro contro quattro. Walters impegna Mantovani, il disco ballonzola pericolosamente verso la blu e il più rapido di tutti è Stampfer che buca la gabbia avversaria per il 2-2. Mike Sullivan illude tutti con un siluro dal cerchio d’ingaggio d’attacco che il pubblico ospite battezza dentro, non però gli arbitri che lasciano correre. Hugesman da mezzo metro ha l’occasione di regalare il pari al Vipiteno ma a tu per tu con Mantovani non è preciso. È invece preciso l’assalto con il quale Bentivoglio assiste sulla sinistra e mette sulla stecca di Ulmer un altro puck prezioso; i due scambiano in velocità ubriacando la difesa avversaria e mettendo alle spalle di Demetz il nuovo vantaggio Asiago per il 3-2. Lazo è uno dei Broncos più mobili e a cinque dal termine con i padroni di casa in superiorità numerica é lui a spedire sulla traversa il disco con un tocco morbido da pochi passi dalla linea di porta. La seconda frazione si chiude con Lutz davanti alla porta avversaria; il suo tiro in ginocchio è però alto.

In apertura di terza frazione è Daniel Erlacher ad involarsi in rapidità sulla destra facendosi però ipnotizzare da Mantovani che chiude ogni varco; dall’altra parte tocca a Mike Sullivan in ben due occasioni impegnare un Demetz attento. Brividi al sesto con Sirokovs che fa partire un siluro dalla blu sul quale il goalie asiaghese devia e con la collaborazione di Ambrosi salva. L’insistenza del Vipiteno sulla destra trova soddisfazione poco dopo con Hugesman che mette scompiglio davanti allo slot, serve Walters che batte Mantovani per il 3-3. Mair, Stampfer e Sirokovs insistono e approfittano di un mini blackout asiaghese; Mantovani però non si spegne e tiene chiusa la porta con Lefebvre che chiama timeout per ridare ordine ai suoi. Non basta però perché in inferiorità Hugesman si presenta a tu per tu con Mantovani ma è Daniel Sullivan ad intercettare l’ultimo passaggio prima della conclusione. Poco dopo Lazo è ancora pericoloso in zona centrale ma stavolta a dirgli di no è il palo. A 6.39 Casetti e Marchetti finiscono in panca punita a distanza di un minuto concedendo 60 secondi di doppia inferiorità agli avversari. L’occasione più nitida è per Walters ma Mantovani blinda nuovamente la gabbia con l’Asiago che ritrovata la parità numerica prova a reagire e ad essere pericoloso. Il weekend di Continental però si fa sentire, i campioni d’Italia spingono ma soffrono la maggior freschezza avversaria e non riescono ad incidere con il match che va all’overtime.

Nigro e Luciani costruiscono per l’Asiago, Hugesman dall’altra parte lascia partire uno slap dalla blu sul quale Mantovani risponde d’istinto. Vipiteno preme più a fondo sull’acceleratore creando quantità nel terzo offensivo senza però risultare letale al punto giusto. In un tre contro uno i padroni di casa sbagliano, non segna Dave Sullivan a tu per tu con Demetz e sul capovolgimento di fronte, a quindici secondi dalla fine dell’overtime, il Vipiteno punisce con Lazo che dalla sinistra batte Mantovani per il 4-3 definitivo.