Stefano Rosso: “Bel gioco e il giusto cinismo, questo Bassano mi piace!”

0

BASSANO SPORT A TU PER TU CON IL PRESIDENTE DEL SOCCER TEAM

Il Bassano, questa settimana, non sarà in vetta alla classifica del girone A di Lega Pro, e questa di per sé è già una notizia se pensiamo che, esclusa la prima giornata, i giallorossi hanno sempre guidato la classifica. Ma allo stato attuale poco conta: il tempo per riguadagnare la cima della classifica c’è e allora ciò che conta davvero è che il Bassano in questo inizio abbia messo in mostra quel bel gioco e quella concretezza, che potranno risultare fondamentali per fare i conti a fine di stagione.
Di questo e molto altro abbiamo parlato con il presidente del Soccer Team, Stefano Rosso.

Presidente, che ne dice di questo inizio stagione?

“Per il momento non possiamo certo lamentarci. Finora abbiamo sempre fatto ottime prestazioni e i punti sono arrivati. Siamo in un’ottima posizione di classifica, giochiamo bene e non ci resta, dunque, che far altro che continuare in questa buona strada”.
Cosa le piace di questo Bassano targato Sottili? 
“Intanto devo dire che questo Bassano mi piace moto perché in campo vedo una squadra più matura, e determinata, che sa gestire meglio la partita. Trovo il gioco più spettacolare e allo stesso tempo questa squadra ha messo in mostra un nuovo lato cinico che finora le era sempre mancato: sa chiudere le partite quando è il momento e sa gestire le situazioni critiche”.
La domanda, allora, sorge spontanea: mettendo da parte le scaramanzie, che sia, finalmente l’anno buono?
“Non lo so, forse ogni anno è l’anno buono. L’importante, ancora una volta, è fare al meglio e dare sempre tutto come stiamo già facendo”.
L’idea di un possibile testa a testa con il Cittadella le piace?
“E’ molto bello che in pochi km ci si possa giocate la serie B. Potrà diventare un bel derby anche se ammetto che mi dispiace che loro siano retrocessi nell’ultima stagione, perché sono una società che ha sempre fatto bene e che da sempre noi prendiamo in esempio per la loro corretta gestione. Insomma è un peccato che questa sfida sia giocata in terza serie, speriamo di ripeterla in serie B!”.
Ha paura che anche quest’anno la giustizia sportiva o eventi extracalcistici falsino ancora una violta il campionato?
“Mi auguro di no. Ormai sono tanti anni che denunciamo il fatto che i campionati si giocano più fuori dal campo che sul campo di gioco. Per cui spero che finalmente le classifiche siano scritte davvero la domenica e non più tra lunedì e mercoledì quando arrivano deferimenti o penalizzazioni”.