Boce e Bocce. A Stroppari si cercano i futuri Podolski. Provare per credere

0

CUORE E PASSIONE A STROPPARI, DOVE LA PASSIONE PER LO SPORT INCONTRA I CAPELLI BIANCHI

Tutti, almeno una volta nella vita, ci abbiamo provato. Magari abbiamo guardato con il sorriso e con un po’di sufficienza i simpatici signori in pantaloni e camicia che tanto si esaltavano e imprecavano sul rettangolo di gioco ad ogni lancio; ci siamo detti “facile dai, non è roba da giovani” e ne abbiamo presa una in mano.

Ci siamo quasi stupiti nel vedere che i simpatici signori dai capelli bianchi non si infastidivano più di tanto nel vederci sorridere. E al primo lancio abbiamo capito il perché…! Il gioco delle bocce non è cosa semplice, loro lo sapevano e ci hanno lasciato fare. Ma in verità giocare a bocce è complicato e necessita di allenamento, concentrazione e precisione assoluta.

A Tezze sul Brenta, strappando le due foto di copertina ad un appassionato utente Facebook che tuttavia per il suo ruolo, in tempi di campagna elettorale, non possiamo citare, è partito uno dei tanti tornei di bocce del comprensorio. Al centro anziani di Stroppari c’è pubblico, c’è divertimento, ci sono i giocatori e c’è la voglia di stare assieme. Ci sono uomini e donne a bordo pista, che trattengono il fiato dalla tensione, sfogando poi il tutto con un applauso se le cose sono andate bene, con qualche segno di stizza misto ad imprecazione se le cose invece non sono andate come si sperava.

Niente urla sguaiate, eccezion fatta per le furibonde liti verbali che si scatenano nel rettangolo di gioco, ma che mai vanno oltre. Niente scene assurde, di quelle che troppo spesso ci regala lo sport professionistico. Niente esagerazioni ma solo tanta voglia di emozionarsi, di stare bene assieme e di vivere.

I cellulari, credeteci, non suonano. Perché tutti li tengono rigorosamente spenti. Vivere il momento alla bocciofila, questo è l’obiettivo.

E se proprio vogliamo metterci anche un po’ di calcio, ricordate bene che l’interista Podolski, poche settimane fa, partì proprio da una giornata in bocciofila nel milanese per ricostruirsi e tornare ad essere giocatore di qualità. Che è successo? Crediamo sia accaduta una cosa semplice: guardando quei signori dai capelli bianchi, divertiti e sorridenti, ha visto nei loro occhi la gioia che solo i bambini riescono a non dimenticare. Quella cioè di fare sport per divertirsi, per stare in compagnia, per ridere e per sentirsi vicini gli uni agli altri!

This is sport, non dimentichiamocelo mai.

P.S. Oh, a Stroppari comunque i match proseguono e guai a disturbare. Alla fine solo una squadra vincerà, tutti a vedere quale sarà la formazione capace di trionfare!