Bassano del Cuore! La Reggiana cede, giallorossi in finale contro il Como

0

DELIRIO, EMOZIONI E RIGORI. BASSANO IN FINALE

A venti secondi dalla fine del secondo tempo supplementare la Reggiana manda a lato di Grandi un pallone preziosissimo. Poteva essere la fine, e invece è stato l’inizio. Grandi, Matteo. Ai rigori para il parabile e anche di più. Ed è il Bassano Virtus che vola in finale; nonostante la Reggiana abbia giocato una gran partita, nonostante il pubblico granata sia stato straordinario, nonostante abbiano provato anche a far cadere il tanto amato Ponte degli Alpini (vedi video sulla nostra pagina Facebook). Ma non è caduto nulla, anzi. Ai rigori vince il Bassano, che gioca per buona parte del secondo tempo in dieci e sul finale deve rinunciare anche ad Asta, espulso e spedito in tribuna stampa.

La cronaca.  Cinque minuti: quanto basta alla Reggiana per farsi applaudire dai mille arrivati dall’Emilia e poi nel primo tempo, al Mercante, è  show giallorosso. Al 6′ gran palla di Cenetti per Pietribiasi che prova a servire Nolè ma il passaggio viene intercettato dalla difesa granata. All’11 Iocolano  crossa al centro per l’arrembante Furlan, ma il numero 7 virtussino calcia male una palla facile preda di Feola. É solo il preludio al vantaggio giallorosso che arriva al 19′: Nolè s’invola sulla sinistra, crossa alto al centro dove arriva Pietribiasi. Di testa il Condor non fallisce e porta in vantaggio i padroni di casa.
Nemmeno dieci meno minuti e i padroni di casa sfiorano il raddoppio: Pietribiasi al volo appena alto sopra la traversa poi Furlan che serve Pietribiasi che a sua volta tenta la conclusione di poco alta sopra la traversa.
Sul fronte opposto ci pensano Bizzotto e Semenzato a tenere a bada i granata che se proprio arrivano in area trovano un Grandi sempre pronto a chiude lo spettro della porta. Fino al 41′ quando la difesa bassanese perde di vista Angiulli bravo ad infilare in diagonale  il gol dell’1-1 con cui si va negli spogliatoi. Al ritorno in campo bastano 3′ ai bassanesi per registrare la prima occasione con Davì che servito da Toninelli sfiora il palo con un’incornata. All’8′ lunga rimessa di Grandi, velo di Nolè per Pietribiasi che, solo davanti al portiere, non riesce a calciare con la giusta intensità. Occasionissima  al 19′: cross di Nolè, Priola calcia al volo ma Ruopolo compie il miracolo e salva sulla linea.  Al 26′ Bassano resta in 10: Furlan  s’invola in area e cade a terra, per l’arbitro non ci sono dubbi: simulazione ed espulsione per doppia ammonizione.
In superiorità numerica la Reggiana trova coraggio e spinge ricacciando per alcuni minuti i bassanesi nella loro area. Giusto il tempo di ritrovare spazi e uomini con il nuovo assetto e gli uomini di Asta, rimettono ordine nel loro gioco.
All’82 Bassano sostituisce Casarini per Nolè e 4 minuti dopo il quarto uomo segnala qualcosa all’arbitro che invita Asta a lasciare il campo. I 90′ finiscono 1-1 e sette giorni dopo quelli giocati con la Juve Stabia si torna ai supplementari, che cominciano con Maistrello in campo al posto di Pietribiasi. Asta veemente si fa espellere e segue il resto del match così (come immortalato dal collega giornalista Emanuele Borsatto al quale abbiamo “sottratto” la foto dal profilo Fb):
asta
Le emozioni non mancano, Asta soffre in tribuna sapendo che i suoi in campo stanno dando il 250%.  La prima occasione è ancora una volta bassanese con l’inesauribile capitan Iocolano: stop di petto e tiro appena alto sulla traversa. E per buona parte del primo parziale si gioca solo sul campo difeso dai granata.
Il secondo supplementare comincia con un’azione quasi perfetta del solito Ioco: cavalca sulla sinistra affianca la porta e serve Maistrello che a mezzo metro dalla porta fallisce il possibile vantaggio giallorosso. Brividi anche sul fronte opposto quando Grandi blocca con sicurezza una punizione di Giannone e ancor più quando negli ultimi secondi sono in due i granata che mancano l’aggancio, da soli davanti all’estremo giallorosso.
Si va ai rigori. Davì segna mentre Bruccini si fa ipnotizzare da Grandi; il secondo round vede Toninelli ancora in rete per i giallorossi e Parola ancora sorpreso dal guizzo di Grandi. Sul 2-0 sembra fatta ma prima Semenzato, poi Priola, spediscono i successivi due penalty tra palo e traversa. Segna invece Mignanelli ma Alessi no. E’ancora Grandi, ancora lui, a dire basta. Iocolano, dal dischetto, segna e vince. Esplode il Mercante, gioia e spettacolo, la finale sarà contro il Como. E in finale ci va il Bassano.