Il Renon espugna l’Odegar. Per lo scudetto serve gara 7

0

GLI ALTOATESINI VINCONO DI MISURA (2-1) E ALLUNGANO LA SERIE

Servirà gara 7 per proclamare il vincitore dell’81 campionato di Serie A, dopo una serie scudetto incredibilmente equilibrata. Il Renon è riuscito, infatti, nell’impresa di annullare il match point a disposizione di Asiago ed allungare la sfida fino al prossimo giovedì quando stellati o altoatesini si cuciranno lo scudetto la petto.
I padroni di casa rinunciano a DiBenedetto e ritrovano Markus Spinell dopo la squalifica di quattro giornate, i vicentini si presentano senza Bentivoglio, volato oltreoceano per la nascita del figlio.

L’equilibrio che ha caratterizzato l’intera serie di finale perdura anche per tutto il primo tempo di gara 6. Stellati e Alto Atesini non riescono a rompere la parità e si va al primo riposo sullo 0-0. Reti inviolate anche per buona parte del tempo centrale fino a quando al 47.05  Rissmiller arriva puntuale all’appuntamento con il rebound concesso da Marozzi, dopo una mischia davanti alla gabbia ospite, e realizza il vantaggio. La risposta dell’Asiago è immediata e Weinhandl deve mettere una pezza sulla doppia conclusione di Iori. L’appuntamento col goal è rimandato di lì a poco e nasce da un contropiede concluso da Hotham e dal pasticcio della difesa di casa che favorisce Borrelli, lesto a pareggiare.

Anche nel terzo tempo l’imprinting della gara rimane invariato: molti tiri da parte del Ritten Sport, ma poca concretezza. L’Asiago prova a sfruttare il match point a disposizione ma e le velleità stellate sono spente dalla rasoiata dalla blu di Borgatello. Nel finale coach Parco gioca la carta dell’uomo di movimento in più, un fallo di Devergilio vanifica il tutto dando il successo ai padroni di casa.

Si torna sul ghiaccio il prossimo giovedì: lo Scudetto si assegna all’Odegar e in altopiano le prevendite sono già aperte.